Al via il progetto per internazionalizzare la rete di 27 pmi del settore energetico

CASTELLANZA –  E’ stato presentato alla Liuc – Università Cattaneo il nuovo progetto Lombardy Energy 2012 firmato da Energy Cluster, Euroimpresa e Liuc, con il cofinanziamento di Regione Lombardia. Lombardy Energy è un progetto che nasce da Energy Cluster – la rete di 98 imprese che con un indotto di quasi 9 miliardi di euro fornisce prodotti e servizi per la generazione e distribuzione di energia elettrica – che consentirà di sostenere l’internazionalizzazione di 27 imprese lombarde del settore dell’energia, presidiando i mercati esteri, favorendo sinergie e alleanze di lungo periodo e lo scambio di competenze con altri cluster a livello europeo e mondiale. L’obiettivo principale del progetto – nel quale vengono investiti 345mila euro, di cui oltre 240mila a carico della Regione Lombardia – è quello di contribuire a incrementare la visibilità delle imprese sul mercato, soprattutto per le realtà più piccole, e sviluppare così una presenza più efficace nei mercati esteri. Il progetto, che si avvale della gestione operativa di Euroimpresa, si basa sulla realizzazione di una piattaforma web based firmata dal Cetic (Centro di ricerca per l’economia e le tecnologie dell’informazione e della comunicazione) della Liuc.  Una piattaforma di “social networking” in grado di promuovere azioni comuni, di facilitare e aumentare l’aggregazione e la collaborazione tra le aziende e di presentarsi sul mercato estero come un soggetto unico. Oltre alle 27 piccole e medie imprese che parteciperanno, il progetto vedrà il coinvolgimento anche delle grandi imprese appartenenti all’Energy Cluster e di altre pmi interessate che porteranno il proprio contributo in termini di conoscenze, informazioni e contatti relativi al settore dell’energia nel mondo. «La crescente pressione competitiva proveniente dai maggiori Paesi europei e la creazione di nuove catene del valore globali per progettare, creare e distribuire prodotti e servizi –  ha dichiarato Alberto Ribolla, presidente di Lombardy Energy Cluster – hanno un enorme impatto sul modo in cui operano le pmi oggi. Il Lombardy Energy Cluster nasce per questo in un’ottica di internazionalizzazione e intende svolgere un ruolo strategico nel sostenere le imprese del territorio che col loro bagaglio  di innovazione e competitività hanno il potenziale per accedere a mercati più ampi». A sviluppare lo strumento che consentirà concretamente alle imprese di attivare meccanismi collaborativi per una loro maggiore presenza sui mercati internazionali sarà il Cetic, diretto da Aurelio Ravarini: «Il Lombardy Energy Claster – ha dichiarato il professore – rappresenta un’occasione importante per trasferire al territorio la nostra expertise sulle piattaforme di social networking e sulle pratiche collaborative costruite lavorando con e per le imprese di questo stesso territorio».

Previous Story

Cambiali in aumento: nel 2011 sono state protestate per 1,7 miliardi di euro

Next Story

Se la crisi «morde», bisogna reingegnerizzare i processi produttivi

Latest from Green Economy