Alla politica chiediamo sincerità, trasparenza e sostenibilità nelle proposte

MILANO – In vista della scadenza elettorale del 24 e 25 febbraio, la Compagnia delle Opere propone il documento “Un bene per l’Italia e per l’Europa”. Nel presentarlo, il presidente Bernhard Scholz ha dichiarato: «Siamo consapevoli della gravità del momento e per questo invitiamo tutti a un confronto sincero e costruttivo, fondato su proposte sostenibili, rispettose della singola persona, dei sacrifici fatti da famiglie e imprese e del ruolo dell’Italia in Europa». La sfida è grande, si legge infatti nel primo punto “Da dove partire”, soprattutto sul fronte del lavoro, ma può trasformarsi in un’occasione per l’Italia di riprendere con vigore un cammino di costruzione e di bene: lo testimoniano le persone, le imprese e le opere sociali impegnate ad affrontare le più diverse situazioni per renderle più consone alle esigenze di una convivenza veramente umana. La politica deve cercare di creare le condizioni più favorevoli per valorizzare il bene presente nel Paese, per evitare che si cada nella ribellione o nella rassegnazione. Per questo il secondo punto, “Dove andare”, illustra il criterio con cui l’associazione valuterà le proposte programmatiche delle forze politiche. Esso riguarda la volontà e capacità di incidere con spirito innovatore nei tre grandi capitoli in cui si gioca il futuro del Paese: l’educazione alla libertà e alla responsabilità, un’imprenditorialità aperta al mondo e una solidarietà sussidiaria. Le proposte e le priorità della Compagnia delle Opere riguardano, tra l’altro: la politica per la famiglia e la riforma complessiva del sistema scolastico; la semplificazione burocratica e l’abbassamento reale del carico fiscale per le imprese; la riduzione sostanziale della spesa pubblica; il superamento dello scandalo del debito della pubblica amministrazione; il superamento della dicotomia pubblico-privato per permettere alle realtà del terzo settore di concorrere al bene comune. Il terzo punto – “La politica che serve” – precisa il senso del dialogo della Compagnia delle Opere con le forze politiche: l’associazione incoraggia chi decide di assumersi una responsabilità politica per dare al nostro Paese una prospettiva nuova ma non partecipa a una militanza partitica e segue con interesse il tentativo di chi si assume tale responsabilità nelle varie forze politiche. Nell’ultimo anno – prosegue la nota CdO – la politica italiana ha intrapreso una strada caratterizzata da serietà e credibilità internazionale, ottenute soprattutto attraverso il controllo dei conti pubblici e il tentativo di sburocratizzazione e snellimento della pubblica amministrazione. Il prossimo Governo dovrà proseguire su questa strada, improntandola alla crescita. La nuova legislatura dovrà caratterizzarsi per un’autentica fase costituente che realizzi anche un federalismo in grado di responsabilizzare realmente le Regioni, premi la capacità dei territori di mettere in campo esperienze eccellenti, riduca le sovrapposizioni tra competenze dello Stato e delle Regioni. Si contribuirà, così, anche a creare le condizioni più favorevoli per una ripresa del Sud del Paese. Il documento torna poi a inquadrare l’Italia nel contesto europeo ricordando, da un lato, che senza il legame con gli altri popoli europei e senza l’Unione Europea, l’Italia è destinata a emarginarsi dal contesto economico e politico internazionale e, dall’altro, che l’esperienza e la tradizione dell’Italia sono un contributo essenziale perché l’Europa non cada nella trappola di una tecnocrazia, ma possa trovare forme per una coesione forte e capace di valorizzare le diverse identità e tradizioni.

Previous Story

Quando investire in un master cambia l'azienda e fa crescere i ricavi del 10%

Next Story

Crescere si può, si deve: gli industriali propongono una terapia d'urto

Latest from Percorsi d'eccellenza