Anche la Coca Cola ha scelto gli stabilizzatori di tensione brianzoli

CAVENAGO BRIANZA –  Dalle grandi strutture civili alle industrie, dal settore food & beverage alle telecomunicazioni, non c’è ambito di applicazione in cui la tensione elettrica non abbia bisogno di una buona stabilizzazione. Come quella garantita dalle apparecchiature progettate e prodotte in Brianza da Ortea, azienda che in quasi mezzo secolo di vita è riuscita a diventare una delle prime al mondo nel campo degli stabilizzatori di tensione, con un fatturato in crescita (25 milioni di euro a fine 2013), un centinaio di addetti e una presenza oramai radicata sui più importanti mercati mondiali, con sedi operative in Turchia, Russia, Sudamerica e Africa. «Siamo leader mondiali in questo campo – spiega il fondatore e attuale managing director Giorgio cattaneo – perché siamo gli unici, insieme a un’azienda inglese, a realizzare stabilizzatori di tensione per le grandi potenze, fino a 6 megawatt. In passato il nostro mercato di riferimento erano l’Italia e l’Europa, quando si sviluppavano le grandi infrastrutture elettriche e di telecomunicazioni, tanto che per diversi anni i nostri principali clienti sono stati gli operatori del broadcasting come Rai e Mediaset. Poi, dopo la crisi dei primi anni Duemila, il mercato di riferimento è diventato quello mondiale, soprattutto le economie emergenti e i Paesi in via di sviluppo, dove ha cominciato a manifestarsi un forte fabbisogno di stabilizzatori in grado di garantire lo sviluppo infrastrutturale e industriale». Dal 2003 la globalizzazione è entrata in casa Ortea, con l’apertura della sede moscovita, quella successiva in Costa d’Avorio, per l’immenso mercato africano, e infine quella a Caracas per lo scacchiere centroamericano (Messico, Panama, Venezuela, Colombia…).  A fine 2009 Ortea costituisce anche una società in Turchia per l’assemblaggio di stabilizzatori di piccole potenze (fino a 50 Kva) e costo più contenuto, prodotti in Italia ma destinati ai mercati dell’ex Unione Sovietica (Georgia, Azerbaigian, Turkmenistan, Tagikistan…).  Oggi la clientela più importante di Ortea è rappresentata dai costruttori edili di palazzi pubblici e privati; le industrie dove si utilizzato macchinari sofisticati, gruppi di automazione, tagli laser eccetera, che hanno necessità di una tensione ben stabilizzata; le industrie di imbottigliamento come Coca Cola, dove sono in funzione i nostri stabilizzatori di maggiore potenza; le grandi compagnie dell’energia elettrica. «Siamo in controtendenza perché abbiamo guardato avanti qualche anno fa, investendo su un prodotto vecchio di concezione ma realizzato con una gestione elettronica a microprocessore all’avanguardia. Possiamo definirci tra primi al modo perché abbiamo una tecnologia molto più avanzata di tutti gli altri», conclude Cattaneo.

Previous Story

La cogenerazione al servizio della miglior produzione agroalimentare italiana

Next Story

Con il calcestruzzo “made by Italians” si raddoppia il Canale di Panama

Latest from Mercati esteri