Apre nelle Marche l’«alveare» che lancia le start up oltre la crisi

ANCONA – Un luogo dove le idee diventano imprese e sono accompagnate passo passo nella loro crescita e sviluppo. Un contenitore che finanzia le start up e incentiva un’imprenditorialità di rete. La novità si trova ad Ancona, si chiama The Hive (l’alveare, n.d.r.) – Coworking & Incubator. «Questo progetto – ha spiegato Giorgio Guidi, amministratore di The Hive? – vuole fornire una piattaforma collaborativa, una community di cui possono entrare a far parte singole persone o società, che opereranno in modo indipendente ma al contempo creando una rete di conoscenze e competenze da scambiarsi». Alle start up saranno forniti numerosi servizi, a partire dallo sviluppo del prodotto fino al supporto per la realizzazione di prototipi, per la definizione di piani industriali ed economici, e alla formazione e consulenza. Al contempo il progetto prevede la fornitura di ampi servizi anche alle imprese già avviate che sceglieranno una delle diverse forme possibili di membership. Rivolto a professionisti, creativi, imprenditori, sviluppatori, free lance e startupper, il progetto è finanziato da Greenvale Ventures Europe (Gvve), società europea che opera come venture capital company con interesse a incoraggiare l’imprenditorialità e a investire in aziende promettenti. La GVVE è parte del più ampio Greenvale Group, fondo privato internazionale di investimenti e di venture capital. Al progetto hanno già aderito sei start up, cui sono destinate ad aggiungersene molte altre. Requisito fondamentale, la voglia di fare e la rapidità, come ha sottolineato Luca Giraldi, fondatore di Cherry Merry Lab, una delle start up già coinvolte: «La mia azienda è nata all’inizio di quest’anno ed è un laboratorio che si occupa di sviluppare prodotti digitali e sperimentare modelli di business alternativi. Nostro il network di hotspot wifi gratuiti SimpleSpot, e tra quattro mesi apriremo una sede in Brasile. Il mio consiglio ai giovani è intraprendere, buttarsi, al di là dell’esito, e soprattutto essere veloci, perché il mercato cambia in fretta». Intanto ha preso il via anche il primo contest di The Hive, Business Idea Award 2013, un concorso cui si potrà partecipare fino al 16 settembre, presentando un progetto imprenditoriale e di business. I più interessanti verranno premiati con un montepremi totale di 100.000 Euro, ripartiti in contributi in conto capitale e servizi. I progetti scelti usufruiranno, dunque, dei programmi e dei servizi offerti dall’incubatore, in un contesto di condivisione e community. The Hive si estenderà, una volta completate le ristrutturazioni, in un ampio spazio nella zona commerciale-artigianale di Ancona: 1.600 metri quadrati in cui, oltre alle 100 postazioni, sono presenti anche 14 sale meeting, un food & coffe court, un auditorium per seminari ed eventi e un hacker space con 10 postazioni dotate di stampanti 3D, software per design, prototipazione e stampa digitale.

Previous Story

Forgiato a Brescia lo chassis d’alluminio per il super pc delle università italiane

Next Story

Punta al brand personalizzato il fornitore di componenti per l’industria