lunedì, 25 luglio 2016

 
 
 
 

MERCATI ESTERI

11/04/2013

IMPIANTISTICA

LORENZONI

Dal Master una nuova visione per portare i cavi scaldanti nella fredda Russia

             

BASSANO DEL GRAPPA – Forse un master non cambia la vita, ma di sicuro può cambiare la storia di un’impresa, dandole una nuova visione e aprendola al mercato globale, a cominciare dall’immensa area russa. E’ quello che è successo alla Lorenzoni,  piccola azienda veneta (10 addetti) produttrice di riscaldatori elettrici e cavi riscaldanti per l’edilizia, fondata nel 1956 da Giuseppe Lorenzoni e oggi condotta dal nipote Michele, rappresentante della terza generazione della famiglia. La testimone del cambiamento di rotta è Gabriella Veronesi, moglie di Michele e responsabile marketing della Lorenzoni, che ha frequentato con successo l’Executive Master Pmi e Competitività promosso da Altis - Alta scuola impresa e società dell’Università Cattolica: «Nel 2009 eravamo a un punto di svolta, avevamo concluso il passaggio generazionale e mio marito aveva assunto le redini dell’azienda. Bisognava fare dei passi per riorganizzare i processi e dare una nuova strategia. Il Master è stato un percorso molto positivo, perché ha confermato la validità di alcune nostre idee, come ad esempio la gestione in outsourcing della distribuzione dei nostri prodotti e l’attenzione prioritaria al cliente, e ci ha aperto lo sguardo sulla gestione del personale, sull’importanza del marketing e soprattutto sull’internazionalizzazione». Conoscenze e competenze che sono state riportate in azienda e condivise con lo staff, anche perché per la tesi conclusiva del master la Veronesi ha affrontato un caso concreto: la realizzazione di un business plan per il mercato russo. Così, dal 2011, la Lorenzoni ha potuto avviare il suo processo di penetrazione proprio verso la Russia: «Abbiamo condotto una ricerca di mercato e poi siamo sbarcati grazie a una missione di Co-Export. Abbiamo acquisito alcuni clienti e avviato accordi con due rivenditori. Le prospettive sono ottime, perché l’area russa è molto importante per il nostro prodotto: noi vendiamo materiale elettrico e lì non c’è problema del costo energetico. La nostra produzione di cavi riscaldanti può avere un buon mercato nel contesto russo, ma si scontra comunque con una concorrenza molto forte. Quello che ci differenzia è il tipo di servizio che offriamo, la capacità di dimensionamento del prodotto  e di seguire il lavoro, anche se farlo in Russia non è come farlo in Italia». Così, a fronte di un fatturato che ha raggiunto 1,6 milioni di euro e che ha mantenuto una lieve tendenza di crescita grazie alle commesse sull’export, la Lorenzoni continua a sviluppare le sue applicazioni anche su progetti molto complessi. Ultime, in ordine di tempo, le installazioni di cavi scaldanti antigelo per tetti (lo Snowfree System, n.d.r.) realizzate per i nuovi edifici (tra cui un grattacielo) dell’area Porta Nuova a Milano: «Una fornitura importante sia per l’entità economica e il valore prestazionale dell’installazione, sia perché abbiamo lavorato con una compagnia di rilievo come Franzen Italia. Poi abbiamo altri progetti aperti; ad esempio, stiamo sostenendo l‘audit per ottenere la partnership con l’Agenzia CasaClima e inserirci nel contesto del loro Protocollo R, con cui intendono promuovere la qualità nel risanamento energetico degli edifici esistenti. L’obiettivo è risolvere il problema dei ponti termici negli edifici esistenti anche di carattere storico, con il nostro sistema No Thermal Bridge».

 

 
   
 

Torna indietro

 

Per ricevere la newsletter di VoxFabrica

Iscriviti

Nome

Cognome

Ente/società

Email

ARCHIVIO MERCATI ESTERI

Tre mega commesse lanciano la multinazionale italiana nell’industria energetica

 

Con i superyacht “made in Ancona” la nautica italiana domina il mercato

 

Come si conquista il mondo partendo da Parma? Lo raccontano le pmi eccellenti

 

Nuovo successo in Germania per la tecnologia italiana della verniciatura auto

 

La cucina italiana sbarca a Teheran per conquistare il mercato iraniano

 

La specialista mondiale dei gruppi statici acquisisce la polacca Delta Power

 

Con un pieno di tecnologia l’export delle macchine da caffè sale del 18%

 

Cresce sul mercato cinese la leader bresciana dei componenti per cucine

 

Medioriente e sud est asiatico nel mirino della leader dei forni per pizzeria

 

L’eccellenza del living italiano si esporta in India con il gioco di squadra

 

Alla conquista dell’Asia e dell’Africa con le zampe di pollo surgelate

 

Un catalogo multimediale promuove le pmi edili attive all’estero

 

Scambiatori e camere calde: con ricerca ed export si cresce del 25%

 

Sbarca in Usa la “termoformatrice” della plastica quotidiana

 

Con l’acquisizione di Ambriola crescerà l’export alimentare italiano negli Usa

 

Verniciare ruote in lega? Gli italiani lo fanno meglio, anche in Cina

 

Le “agri-macchine” che riciclano scarti alimentari in tutte le lingue del mondo

 

Con le macchine che chiudono le bottiglie si brinda al successo mondiale

 

I tessuti 3D portano l’innovazione italiana del tessile sul mercato mondiale

 

In Romania con il grafene per bonificare le acque dagli idrocarburi petroliferi

 

Nuovi canali produttivi e più export con gli investimenti in tecnologia

 

Supercar e auto di lusso “indossano” i componenti stampati a Milano

 

Sfida i tedeschi lo stampista che investe in uomini e tecnologie

 

La pizza italiana conquista la Cina con il prodotto da cuocere in pentola

 

I correttori di luce sbarcano in Brasile per vincere il campionato del lighting

 

Punta ai clienti internazionali la griffe italiana degli ascensori più esclusivi

 

Parlerà tedesco lo sviluppo del consorzio specializzato nella metallizzazione

 

Alla conquista del Brasile con i campi in erba sintetica “made in Bergamo”

 

Obiettivo Germania per la prima filiera metalmeccanica «flessibile»

 

Vale 6 milioni la commessa di filtri e tubi per le miniere in Giordania

 

Il calcestruzzo decorativo trevigiano piace al colosso svizzero dell’edilizia

 

Con il calcestruzzo “made by Italians” si raddoppia il Canale di Panama

 

Anche la Coca Cola ha scelto gli stabilizzatori di tensione brianzoli

 

Verso Turchia e Thailandia si espande il business dei sistemi laser vicentini

 

A Città del Messico il nuovo metro in sicurezza grazie agli ingegneri brianzoli

 

Una joint venture per l’efficientamento energetico degli ospedali israeliani

 

Vale 235 milioni l’export del distretto altoatesino delle tecnologie per la neve

 

La videocitofonia digitale italiana ha già vinto alle Olimpiadi invernali di Sochi

 

Logistica multimediale per esportare minuteria sul mercato tedesco

 

Stile italiano su misura per i serramenti dell’Hotel Café Royal di Londra

 

Dalla Calabria all’Etiopia con un nuovo stabilimento per la lavorazione del marmo

 

L’acqua tricolore sbarca in Oriente per dissetare un miliardo e mezzo di cinesi

 

Alimentazione elettrica sotto controllo anche nell’alta velocità spagnola

 

Quadri elettrici marchigiani per la nuova ferrovia degli Emirati Arabi

 

Cliente brasiliano per la nuova linea di smaltatura robotizzata

 

Dopo 50 anni ancora leader in Europa la macchina italiana di movimento terra

 

Le foglie dorate del battiloro abbiatense conquistano l'est Europa

 

Sbarca in Usa il leader italiano che produce i nastri più speciali del mondo

 

Con cipria e rossetto il terzista del make up conquista il mondo

 

I freni accelerano: investimento da 115 milioni per crescere in Usa e Brasile

 

Le catene portacavi “made in Brianza” muovono i più potenti telescopi del mondo

 

Commessa da 12 milioni in Kazakhstan per i sistemi di sicurezza antincendio

 

Contro lo smog di Pechino i cinesi scelgono il filtro nasale “made in Brescia”

 

Dopo l’India c’è il mercato australiano per le cucine di design milanesi

 

Per la specialista dell’optoelettronica il mercato è lo spazio

 

Dall’India alla Russia, le supergru svettano su piattaforme e raffinerie

 

Un accordo internazionale per la prima “fabbrica” italiana di grafene

 

In Francia e in Usa per trattare i componenti delle centrali nucleari

 

Con una piccola pressa si stampano i prodotti del lusso più ricercati nel mondo

 

Dalla Brianza agli Usa con un nuovo impianto produttivo da 9 milioni di dollari

 

L’est europeo traina la crescita dell’automazione “made in Lodi”

 

La carica delle trenta pmi italiane alla conquista dei Balcani

 

Piccole, Manifatturiere, Internazionalizzate: ma come esportano?

 

All’est e all’ovest ordini in aumento per l’avvolgimento elettrico

 

Accordi in Cina e Gran Bretagna per la specialista del trasporto polveri

 

Accordo con la taiwanese FFG per la leader piacentina delle macchine utensili

 

Le carrozzerie refrigerate piemontesi puntano a Russia, India e sud est asiatico

 

Strumenti per analisi: alleanza italiana alla conquista del mondo

 

Sbarcano in nord America le lampade a led marchigiane

 

Apre in Usa e a Singapore la specialista dei sistemi per la telefonia mobile

 

Tachigrafo italiano sui camion turchi, grazie all’Enterprise Europe Network

 

Con la certificazione BBB «sfonda» in America e in Africa

 

L’automotive d’alta gamma traina l'export del circuito stampato italiano

 

Il più grande polo mondiale di produzione dei polimeri funziona con valvole milanesi

 

Anche in India l’automazione nei processi dei laminati parla milanese

 

Guarda all'America la specialista delle valvole in alluminio

 

Una joint venture brasiliana per la specialista del controllo

 

Ad Abbiategrasso il polo mondiale per la schiumatura isolante