BANCA ETRURIA: l’oro come alternativa in tempo di crisi

ROMA – Grazie a un convegno intitolato “Parole d’Oro!”, si è fatto il punto su quale sia il ruolo e quali le prospettive del metallo giallo, anche in considerazione dell’attenzione che investitori e media riservano in questo periodo al suo andamento e al possibile investimento in questa asset class. L’evento è stato curato da Banca Etruria che è considerata, a livello nazionale, la Bancadell’Oro per eccellenza: è infatti il primo Istituto in Italia per volumi intermediati di metallo pregiato e da sempre opera a fianco delle aziende nei principali distretti orafi nazionali. Sembra che l’oro sia quindi considerato una valida alternativa in tempo di crisi: “Dopo l’improvviso crollo di aprile, che ha visto il prezzo dell’oro diminuire del 20% in appena tre giorni, a causa di importanti disinvestimenti – ha dichiarato William Tankard, Direttore del Centro di Ricerca sui Metalli Preziosi di Thomson Reuters GFMS, – si è avviata per il metallo giallo una fase di consolidamento”. Non solo: l’oro può essere anche uno strumento di diversificazione degli investimenti. “Una quota limitata di oro all’interno di un portafoglio (fra il 3% e il 5%) ne migliora l’efficienza nel medio-lungo periodo e ne riduce il rischio complessivo” ne è convinto Paolo Manuelli, direttore del Polo di Wealth Management del Gruppo Banca Etruria. Il metallo giallo presenta caratteristiche ben precise che lo differenziano da altri asset e dalle altre commodity, come la copertura dal rischio d’inflazione, con la quale l’oro ha una correlazione elevata e ne è anticipatore; dal rischio svalutazione del dollaro USA, col quale presenta una correlazione complessivamente negativa e dei rischi legati a fenomeni macroeconomici, con i quali l’oro presenta una correlazione positiva, poiché è considerato bene rifugio. Banca Etruria, accanto ai prodotti e servizi in oro, è in grado di custodire oro fisico nei propri caveau. Elemento che ha reso l’istituto di credito un punto di riferimento per chi vuole differenziare il portafoglio, accrescere la protezione del patrimonio e gestire comunque l’investimento con forte attenzione anche alla liquidità.

Previous Story

Si produrrà miele biologico con il lavoro di soggetti svantaggiati

Next Story

Contro la crisi imprese industriali sempre più in rete: raddoppiate in sei mesi

Latest from Ufficio studi