CCIAA MONZA: il volto dell’artigianato cambia con la “carica” dei makers innovativi

MONZA – Cambia il volto dell’artigianato italiano, una volta c’erano falegnami e carpentieri che sceglievano di aprire un’impresa artigiana, oggi lo fanno anche progettatori di software, informatici, registi e designer, con circa 3.500 attività innovative che hanno aperto nel 2012 in Italia. Sono i makers, artigiani di terza generazione, che tra nuove tecnologie e “prospettive glocal” hanno portato ad un cambiamento del modo di concepire l’artigianato. Se infatti si considerano alcuni settori ad alto tasso di innovazione, la media delle imprese artigiane iscritte in Italia nel 2012 è più alta rispetto alla media delle attive del comparto. E così tra i settori dell’artigianato con indice di “dinamicità” più elevato, compaiono le attività legate alla produzione di software e consulenza informatica (722 imprese artigiane iscritte in Italia nel 2012, con un indice di dinamicità 2,1 volte più alto rispetto alle attive), il settore delle attività dei servizi d’informazione ed informatici (546 iscritte, con indice di dinamicità 1,8), ma anche le attività di produzione cinematografica (184 iscritte, indice 1,5) e le attività professionali, scientifiche e tecniche (2.011, indice 1,5). E se la Lombardia è la prima regione per numero di iscritte artigiane innovative (696), il Trentino Alto Adige è la regione in cui il peso delle nuove imprese artigiane nei settori innovativi è più alto che nel resto d’Italia (7,6%), seguita da Friuli Venezia Giulia (5,1%) e Marche (4,7%). Emerge da una elaborazione dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Registro Imprese. Tra i settori dell’artigianato brianzolo con indice di “dinamicità” più elevato, troviamo le attività legate alla produzione di software e consulenza informatica (con un indice di dinamicità 3,6 volte più alto rispetto alle attive), il settore dei servizi d’informazione e informatici (indice di dinamicità 2,2), ma anche le attività professionali, scientifiche e tecniche (indice 1,7).

Previous Story

Con sei imprese nasce nelle Marche il primo network del calzaturiero

Next Story

ASSIRM: In Italia il 70% delle imprese è a guida familiare e resiste meglio alla crisi

Latest from Ufficio studi