Cercansi installatori e sviluppatori per le infinite versioni del datalogger myGeco

CREMA – Se è vero che i pannelli per gli impianti fotovoltaici sono quasi tutti “made in China”, è altrettanto vero che nell’ambito delle tecnologie di gestione dell’energia solare opera una crescente ed eccellente platea di piccoli produttori italiani, specializzati in componenti e sistemi avanzati per il buon funzionamento di questi impianti. E’ il caso della cremasca Maxwell Industries, giovane micro-impresa nata nel 2010 come spin off del Consorzio Crema Ricerche per iniziativa di tre ingegneri e una specialista in marketing e comunicazione, che hanno trovato un socio investitore importante nel gruppo trentino BM (120 addetti, 70 milioni di euro di fatturato). Maxwell Industries si è specializzata nei sistemi di monitoraggio dell’efficienza energetica e il suo prodotto di punta, il datalogger myGeco, è già operativo in 250 impianti per la produzione di energia alternativa. L’installazione più recente è stata appena completata nel casertano, per la gestione di 2,5 megawatt che si aggiungono ai 5,5 megawatt già monitorati. La grande novità è il piano di sviluppo avviato da Maxwell Industries per la diffusione del sistema myGeco, come spiega il general manager Massimiliano Bellino: «Stiamo avviando una campagna per coinvolgere “installatori certificati”, con l’obiettivo di trovare a livello locale, regionale e infine nazionale collaboratori giovani e meno giovani che sappiano utilizzare e conseguentemente installare il nostro sistema, rendendo il servizio più rapido ed efficace. Attraverso giornate formative, in programma a maggio e giugno, vogliamo creare sul territorio dei GET (Geco Excellent Team), in cui operino in squadra elettricisti qualificati, in grado di cablare e fare l’installazione del prodotto, e sviluppatori capaci di realizzare applicazioni specifiche e innovative». Insomma, la green economy apre le porte anche a professionalità nuove e Maxwell Industries apre a sua volta la “campagna acquisti” per rinforzare la sua squadra: «Le applicazioni di myGeco sono davvero infinite, perché il sistema può essere personalizzato seguendo le esigenze del cliente; può monitorare impianti fotovoltaici, eolici, idroelettrici, a biomasse e cogenerazione; può fungere da centrale operativa anche in remoto, gestendo allarmi e integrando sistemi antifurto; è espandibile e integrabile con sensori wireless».

Previous Story

Dal Master una nuova visione per portare i cavi scaldanti nella fredda Russia

Next Story

La «minifabbrica» porta in fiera il reality game della formazione

Latest from Capitali umani