CNA: al via il counseling di quartiere per aiutare artigiani e piccoli imprenditori

MILANO – E’ stato inaugurato a Milano il primo servizio di counseling di quartiere, aperto a tutti e dedicato? in particolare ad artigiani, piccoli imprenditori e professionisti milanesi. Il progetto, avviato da Cna Milano,? fa seguito a una ricerca condotta dall’associazione per evidenziare lo stato di salute di artigiani e imprenditori colpiti dalla crisi. «Lavoratori, imprenditori e artigiani in difficoltà per il lavoro -? spiega? Maria Cristina Koch, counselor, formatrice e psicoterapeuta che ha collaborato alla costruzione della ricerca – potranno trovare nel colloquio di counseling un affiancamento laico, rivolto a individuare le risorse interne ed esterne della persona verso la progettazione di una fattibilità praticabile e verificabile. Vogliamo superare l’idea antiquata del trovare un lavoro affinché la persona lavoratore possa creare il suo lavoro e tornare a essere protagonista della propria vita». Nel dettaglio la ricerca evidenzia come parallelamente a una sensazione di una crisi crescente (percepita nel? 2007? solo dal 5,4% degli intervistati) si accetti di guardare alle proprie debolezze. Il 63,2% degli intervistati dichiara “non posso permettermi di ammalarmi”, il 36,7 % di avere avuto contraccolpi sulla propria salute, il 15,7 sulla salute dei propri familiari e il 26,7 sui rapporti tra coniugi. Il 53% riconosce la propria debolezza passando da una situazione di stress positivo a una situazione di rabbia e sfiducia.? La convinzione in sé stessi, il desiderio di battersi permangono vivi (46,5%) sebbene con prospettive di ricompense sempre più incerte e oscure (30,8%). C’è grande accordo (96,2%) nell’attribuire alla classe politica gravi responsabilità. Ma? ciò che più dà fastidio è la ferita morale della propria onestà per essere considerati portatori di disvalori (84,3%). Nonostante la convinta speranza nel futuro (67%) in pochi immaginano di poter fare cose diverse (19,5%) perché la forza interiore è legata a uno specifico mestiere. «A partire dal 2007 la situazione economico-finanziaria, politica e fiscale in Italia è mutata rapidamente, causando disorientamento e perdita di fiducia da parte di artigiani e? piccoli imprenditori che assistono impotenti alla quotidiana svalutazione della propria professionalità», afferma Lauro Venturi, ceo di Cna Milano – Monza Brianza. «La perdita del lavoro e, dunque, l’impossibilità di guadagnarsi da vivere mediante l’unico mestiere che conoscono, annienta il benessere emotivo e relazionale dei micro e piccoli imprenditori che identificano se stessi con la competenza nel costruire oggetti e offrire servizi utili per la comunità. In un contesto istituzionale e politico caratterizzato dall’incertezza, l’imprenditore è incapace di recuperare l’autonomia e la motivazione necessarie per immaginare un futuro non più plasmato dalla sua manualità creativa. In questo senso il counseling può essere un valido supporto».

Previous Story

Per le strade di Vienna si circola con gli ecobus elettrici italiani

Next Story

Fornitura marchigiana per i quadri elettrici della linea 5 della metro milanese

Latest from Associazioni