Con gli impianti di verniciatura si festeggiano 50 anni di innovazioni ed export

CODROIPO – Alla base di tutto c’è un sogno imprenditoriale, rafforzato da una profonda amicizia, quella tra Fulvio D’Angela ed Elvio Salvadori. E’ il 1964 quando nasce Industria Meccanica e Legno, ovvero Imel. Una realtà che celebra i suoi primi cinquant’anni da protagonista sul mercato internazionale nel settore della progettazione e della realizzazione di impianti per il trattamento e la verniciatura di superfici. Un successo ottenuto grazie alla capacità di essere riuscita ad anticipare i tempi in termini di innovazione e di internazionalizzazione. Oggi il gruppo Imel può contare su una sessantina di collaboratori e su un fatturato superiore ai 15 milioni di euro, per il 90% merito delle commesse all’estero. Fonte di ispirazione per l’azienda di Codroipo, in questo mezzo secolo di attività, sono stati l’innovazione, le risorse umane, il miglioramento continuo e l’attitudine al “problem solving”. Oggi in azienda sono presenti i discendenti diretti dei fondatori, Lido D’Angela e Carlo Salvadori, insieme alla terza generazione, rappresentata da Marco D’Angela, che spiega: «Cerchiamo di differenziarci dalla concorrenza studiando impianti e applicazioni particolari. Il nostro obiettivo è realizzare qualcosa che non tutti riescono a fare, distinguendoci per livello tecnologico e conoscenza. Al giorno d’oggi si bada alla qualità, a un servizio di assistenza adeguato e al prezzo. Abbiamo puntato moltissimo sull’assistenza al cliente, sia interna sia sul territorio, con uffici periferici sparsi per il mondo». Per il futuro D’Angela dimostra di avere le idee chiare: «Vogliamo mantenere il cervello dell’azienda in Italia, ma dovremo essere in grado di portare l’assistenza nei Paesi dei nostri clienti, offrendo così un servizio rapido ed efficace. Imel continuerà a essere una realtà orientata all’internazionalizzazione ma sempre ancorata al Friuli». Tra le caratteristiche distintive di Imel, si sono una grande duttilità e una capacità di realizzare prodotti sartoriali nei campi di applicazione più disparati. La spiccata propensione all’innovazione dell’azienda friulana, infatti, le ha permesso di specializzarsi nella costruzione di impianti di verniciatura in quattro ambiti principali: automotive, macchine agricole e grandi macchine, industria ed elettrodomestici. Tutti comparti dove Imel riesce a fornire un servizio di eccellenza, mettendo a disposizione del cliente un prodotto “chiavi in mano” che parte dall’ideazione di un impianto fino ad arrivare all’assistenza post-vendita.

Previous Story

Parlerà tedesco lo sviluppo del consorzio specializzato nella metallizzazione

Next Story

Dal World Forum una certezza: il manifatturiero è la forza trainante della ripresa

Latest from Segnali di ripresa