Con le pulegge in lega leggera va in pista la monoposto a propulsione elettrica

SAN PAOLO DI JESI – Una monoposto da competizione con propulsione totalmente elettrica: è il progetto realizzato da Fast Charge, team di Formula Student Electric dell’Università di Roma la Sapienza, fondato nel 2012, che per la fabbricazione delle pulegge in alluminio si è avvalsa della competenza tecnica della Fipill, azienda leader in Italia nel settore della produzioni in lega leggera, che ha appena festeggiato quarant’anni di attività sotto la guida di Claudio Ricci, responsabile della progettazione, e di Luciano Cervigni, direttore del controllo della produzione. L’azienda marchigiana occupa 16 le persone in uno stabilimento di circa 2.500 metri quadri, con un fatturato 2013 intorno a 1,3 milioni di euro, in crescita del 17% rispetto al 2012 ed equamente diviso tra estero e Italia. «Ci occupiamo di lavorazione delle leghe leggere per diversi settori produttivi: automotive, agricolo, condizionamento, sanitario, ultraleggeri e anche industria aeronautica, con una recente commessa acquisita dalla Boeing», spiega Ricci. «Lavoriamo da circa dieci anni anche con il leader mondiale Brammer, che di recente ha ulteriormente  aumentato gli ordinativi». Fipill ha espanso la sua attività anche nei settori delle energie rinnovabili, soprattutto eolico e fotovoltaico. Tra gli ultimi progetti dell’azienda l’esportazione del supporto pulegge tramite un’azienda italiana che assembla macchinari in Russia, Germania, Svezia e Francia, con componentistica totalmente made in Europe. La materia prima arriva da Brescia, il principale polo di produzione per l’alluminio e le leghe leggere. Normalmente la lega di alluminio utilizzata nella produzione di pulegge ha una durezza di 40-50 Hrc: quella di Fipill arriva a 65-70 Hrc, per la materia prima impiegata e per la lavorazione nella fusione. La produzione dell’azienda comprende diverse tipologia di pulegge, fino a un metro di diametro: trapezoidali in alluminio e in acciaio con alesaggio per bussola taper-lock; variabili; a fascia piana con bussola conica di serraggio taper-lock; poly-v in alluminio con alesaggio per bussola taper-lock; slitte tenditrici e pulegge dentate.

Previous Story

Da Lecco in tutto il mondo con le macchine top per la spremitura del cacao

Next Story

A fine maggio sarà presentata la prima cella di stagionatura a impatto zero

Latest from Innovazioni & Start up