Con Takaje e Toollio il design cambia il modo di trattare gli alimenti

TORINO –  Una bella forma per un buon cibo: potrebbe essere la sintesi del processo di innovazione stilistica e tecnologica che ha portato la Facem, storica realtà del distretto canavesano dello stampaggio a caldo, a incuriosire ed entusiasmare i professionisti del design: Takaje, il nuovo sistema per il sottovuoto a marchio Tre Spade – la divisione che progetta e produce attrezzature di cucina come macinacaffé, macinapepe, tritacarne e insaccatrici – è stata insignita del Compasso d’Oro 2014 dall’Adi (Associazione per il disegno industriale), a conferma dell’altissimo mix di funzionalità tecnica e pregio estetico raggiunto dai progettisti dell’azienda piemontese in collaborazione con gli esperti dello Studio Adriano Design di Torino. «Siamo un’impresa che ha continuato a crescere nonostante la crisi e un mercato impoverito dalla riduzione dei consumi, senza aver mai rinunciato alla qualità costruttiva e all’intera componentistica italiana, grazie alla collaborazione con diversi piccoli produttori specializzati», spiega Marco Ferlito, direttore generale della divisione Tre Spade. Una strategia premiante fondata su un’intensa attività di ricerca e scouting tecnologico: «Dal confronto con il nostro mercato e da “escursioni” in comparti diversi cogliamo gli stimoli giusti per procedere sulla strada dell’innovazione, anche importando materiali e soluzioni tecniche mai utilizzati in precedenza nel nostro settore», aggiunge il direttore commerciale Flavio Fascio Pecetto. Così è nato Takaje, originale fusione di assonanze piemontesi (“l’uma tacaje”, ce l’abbiamo fatta!) e orientali, in realtà un sistema dalla funzionalità straordinaria perché applica il processo del sottovuoto  sia ai sacchetti sia ai  barattoli in vetro con coperchio di metallo, anche già aperti e usati, grazie a una speciale valvola e al dispositivo aspirante. «L’utilizzatore tipo – spiega Ferlito – è la famiglia che desidera prolungare la conservabilità di prodotti confezionati sotto vetro, che possono essere così “condizionati” e riposti in frigorifero anche per un tempo fino a cinque volte superiore alla conservazione normale». L’utilizzo del vasetto ne incoraggia il riuso, riducendo il flusso di rifiuti, e  permette di confezionare anche alimenti liquidi. Ma Facem – Tre Spade non si è fermata sulla soglia della cucina domestica: «Siamo andati oltre – racconta Fascio Pecetto – puntando al mercato della ristorazione con un prodotto totalmente innovativo nel concept prestazionale: Toollio, la macchina multifunzione per la lavorazione degli alimenti nelle cucine professionali. Abbiamo giocato sul termine tool per “inventare” un robot da cucina con sette funzioni intercambiabili tra le più utilizzate: tritare, affettare, sminuzzare, intenerire, spremere, insaccare e grattugiare». Anch’esso disegnato da Adriano Design, Toollio è modulare ed espandibile con pochi semplici gesti: ciascun accessorio è stato concepito per garantire una pulizia e un’igiene perfette che, sino a oggi, erano impossibili da ottenere. Un esempio è la grattugia Toollio, l’unica interamente smontabile e lavabile. «Con Toollio pensiamo di poter conquistare una quota importante del mercato Horeca, puntando proprio sull’integrazione tra polifunzionalità, praticità e qualità tecnico-estetica». Un altro step per consolidare la crescita di Tre Spade, che conta oggi 120 addetti impegnati nei due stabilimenti produttivi e nella sede commerciale di Torino ed è presente in 60 Paesi con importatori e distributori specializzati.

Previous Story

Il tour mondiale del gelato premia l’azienda leader in innovazione e design

Next Story

In mostra i prodotti originali ed esclusivi di un territorio che sa fare impresa

Latest from Innovazioni & Start up