Contro la crisi imprese industriali sempre più in rete: raddoppiate in sei mesi

MILANO – Sono 836 i contratti di rete attivi in Italia e 4.343 le imprese coinvolte. Tra le regioni, per numero di aziende, dopo la Lombardia, vengono Emilia Romagna (619, 14,3%), Toscana (562, 12,9%) e Veneto (386, 8,9%). Le imprese lombarde scelgono sempre di più la via dell’aggregazione: a maggio 2013 salgono a 277 i contratti (erano 169 a novembre 2012) che coinvolgono 1.087 aziende, un numero quasi raddoppiato in sei mesi che fa della Lombardia la regione leader in Italia con un terzo del totale dei contratti di rete conclusi e il 25% delle imprese nazionali coinvolte. A livello provinciale, prima Milano con 333 imprese (+115 in sei mesi, quasi 8% del totale italiano), seguono Brescia (180, +85) e Bergamo (107, +43). Vengono poi Monza che passa da 57 a 87 superando Varese (con 80, erano 59), Como e Lecco, entrambe con 78 (rispettivamente: +47 e +30). Industria, servizi e commercio i settori lombardi più attivi nel fare rete: rappresentano rispettivamente il 51%, il 32% e il 13% del totale delle imprese coinvolte. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati Infocamere, a maggio 2013 e a novembre 2012.  

Previous Story

BONFIGLIOLI CONSULTING: eccellenza d’impresa solo se si punta sulle risorse umane

Next Story

L’allevamento diversifica e investe 10 milioni per produrre energia rinnovabile