Cordata di investitori “risolleva” un’eccellenza industriale del Varesotto

BODIO LOMNAGO – Rilanciare il comparto dei sistemi tecnologici di sollevamento, già fiore all’occhiello dell’industria varesina, trasferendo conoscenze e competenze ai giovani e creando occupazione sul territorio varesino. Questa, in sintesi, la missione etica di Vht – Varese Hoisting Technology, l’azienda nata solo un anno fa con l’intenzione di diventare leader nel suo settore. Quella di Libero Donati, amministratore unico di Vht, e della cordata di investitori che ha creduto nel progetto può dirsi una scommessa ben avviata alla vittoria: «Partendo da zero – racconta Libero Donati – ?a gennaio 2012 abbiamo raccolto il capitale sociale di 4 milioni di euro, metà erogato dagli istituti di credito che hanno dato fiducia al nostro business plan, metà dalla quarantina di persone diventate socie di Vht, chi allo 0,5%, chi al 10%. Si tratta di addetti ai lavori, come system integrator e fornitori di componenti, ma anche di altri imprenditori e semplici sostenitori. Una compagine sociale orizzontale e aperta che testimonia la voglia della comunità di rilanciare le attività produttive in un territorio che, a causa delle acquisizioni straniere e della sfiducia degli imprenditori locali, sembrava votato alla deindustrializzazione». Adesso, dopo un anno, Vht occupa 13 persone e ha chiuso il 2012 con un fatturato intorno ai 500mila euro, con un obiettivo di raggiungere 1 24 milioni di euro entro i 5 anni di avvio dell’attività, per un’occupazione di 80 addetti entro il 2016. Il piano di investimenti prevede, per i primi tre anni, 1,5 milioni di euro in ricerca e sviluppo, 500mila euro in infrastrutture e 3,5 milioni di euro per l’acquisto del sito produttivo di Bodio Lomnago. «Dal mercato italiano ci sono state alcune sorprese, anche se in generale la contrazione è pesante, il mercato ha fatto segnare -40% in tre anni», continua Donati. «Noi continuiamo a tener fede ai nostri impegni e per crescere ci stiamo concentrando sui mercati esteri: economie emergenti come Brasile India, Sudafrica, Europa dell’Est, ma anche Usa e Canada». Vht non ha difficoltà a imporsi fra i competitor per la qualità suoi prodotti, che hanno un elevato contenuto in esperienza e know how, ma anche un ottimo rapporto qualità-prezzo, con garanzia assoluta di sicurezza. «Abbiamo raccolto attorno a noi, in una sorta di filiera corta, le migliori realtà produttive del territorio», conclude l’imprenditore.

Previous Story

E’ cinese il primo corporate participant all’Expo 2015

Next Story

Per consegnare in città i cibi freschi si useranno veicoli ibridi con freddo «ecologico»

Latest from Segnali di ripresa