Dai fertilizzanti alla nutraceutica, cresce il colosso abruzzese dell’agrindustria

ATESSA – È stato presentato a Milano il bilancio economico e socio-ambientale 2012 del Gruppo Valagro, azienda italiana con sede produttiva in Abruzzo, altri quattro stabilimenti in Norvegia e Francia e 11 filiali in tutto il mondo, che occupano complessivamente 330 addetti (di cui 190 in Italia). Il gruppo è leader nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti a basso impatto ambientale, ma opera anche nei settori della nutraceutica e della cosmetica. Giuseppe Natale, amministratore delegato di Valagro, ha illustrato i principali risultati economici fatti segnare dal gruppo nel 2012. In particolare, Valagro ha raggiunto un giro d’affari di 90 milioni di euro, con un ebidta del 19% circa e una crescita annua cumulata degli ultimi tre anni pari al 15,18%. Il 19% circa del fatturato è stato realizzato in Italia, mentre la quota restante all’estero, dove le aree a maggior crescita sono Nord America (+16%) e America Latina (+15%). Il 4% del fatturato, pari a circa 3,5 milioni di euro, è stato investito in ricerca e sviluppo per la realizzazione di prodotti altamente innovativi. Oltre ai dati di natura economica, Valagro ha presentato inoltre la quinta edizione del bilancio socio-ambientale di gruppo, che contiene un aggiornamento sulle strategie adottate e sui risultati raggiunti a vantaggio, oltre che dell’azienda, anche del territorio e della comunità, e segnala gli obiettivi futuri che si impegna a raggiungere: «Alla base del nostro successo stanno la capacità di innovare e rinnovare costantemente il proprio portafoglio prodotti e di offrire ai propri clienti soluzioni specifiche per le loro esigenze, sempre nel massimo rispetto dell’ambiente e dell’uomo», ha dichiarato Natale. La costante crescita dell’azienda ha portato a una diversificazione del business, che si articola oggi in quattro grandi aree: Farm per l’agricoltura, Turf and Ornamentals per i tappeti erbosi e le piante ornamentali, Garden per il giardinaggio e Industrials per vendite industriali alle aziende operanti nel settore dei fertilizzanti. L’azienda ha inoltre intrapreso lo sviluppo di prodotti a base di alghe per applicazioni nell’alimentazione umana, in cosmetica e nella nutrizione animale.

Previous Story

Censimento industria: il 90% del sistema produttivo è governato da famiglie

Next Story

Le imprese del “made in Italy” raccontano le esperienze di successo all’estero

Latest from Green Economy