Dalle macerie del terremoto rinasce il più importante polo dell’aerospaziale italiano

L’AQUILA – A quattro anni dal terremoto, che aveva reso inagibile il vecchio stabilimento, a soli due anni dalla posa della prima pietra del nuovo stabilimento, Thales Alenia Space inaugura a L’Aquila uno dei più sicuri e moderni stabilimenti d’Europa per le attività spaziali. Vi lavoreranno oltre 300 tra ingegneri e tecnici specializzati e sarà il principale sito in Italia di produzione elettronica per lo spazio. «Questo stabilimento è il simbolo di una rinascita industriale in un territorio al quale siamo profondamente legati», ha detto con soddisfazione Elisio Prette, presidente e amministratore delegato di Thales Alenia Space Italia. «Al contempo rappresenta il proseguimento di un cammino nell’alta tecnologia, con nuove opportunità e nuove ambizioni industriali che pongono la nostra azienda in assoluto primo piano nel comparto spaziale europeo». Si tratta di una scommessa con il futuro vinta dall’azienda del gruppo Finmeccanica grazie al contributo di tutti: dipendenti, clienti, dipendenti, azionisti, istituzioni, territorio. Il complesso industriale di oltre 16mila metri quadrati – tra laboratori, camere sterili e uffici – è stato pensato per garantire la massima sicurezza a quanti vi lavorano, rispondendo ai più severi criteri antisismici previsti dalla nuova normativa in materia. Le aree produttive sono state progettate in maniera riconfigurabile, secondo criteri di lean design, per ottenere flussi di lavoro continui e soddisfare le più diverse esigenze di variazione di volume di produzione e tecnologiche. In termini di risparmio energetico, il sito vanta sistemi di recupero termico e di materiali costruttivi che, oltre a soddisfare criteri generali di ecosostenibilità, minimizzano le dispersioni termiche. Questo straordinario investimento economico, strutturale e tecnologico garantirà a Thales Alenia Space una capacità produttiva rafforzata nel campo degli equipaggiamenti elettronici, ibridi, antenne e strutture in materiale composito per tutte le applicazioni spaziali.

Previous Story

CDO: Dal Matching 2.0 la nuova cultura d’impresa per vincere la sfida della crisi

Next Story

Il polo tessile più avanzato del centro Italia festeggia mezzo secolo di successi