E’ cinese il primo corporate participant all’Expo 2015

è cinese il primo Corporate Participant di Expo Milano 2015. In un incontro a Pechino con il management della società milanese, il colosso del settore immobiliare China Vanke ha firmato l’accordo di partecipazione all’Esposizione universale italiana. Questo accordo è la prima tappa del “China Special Project di Expo Milano 2015”, un progetto strategico di collaborazione e sviluppo economico che consentirà a Italia e Cina di rafforzare la già proficua cooperazione che lega i due Paesi. China Vanke, che fornisce oltre mezzo milione di unità abitative e offre servizi di gestione a oltre 1,5 milioni di cinesi, costruirà un proprio padiglione dove illustrerà il programma “Shi Tang”: l’idea è di mettere a disposizione spazi di ristorazione in cui mangiare in maniera salutare, a prezzi contenuti, e in cui socializzare, condividendo opinioni e progetti e migliorando il tessuto sociale della città. Il “China Special Project di Expo Milano 2015” prevede cinque aree strategiche. La prima, annunciata in occasione della firma del contratto di partecipazione della Cina lo scorso novembre, avrà importanti ricadute economiche e turistiche per entrambi i Paesi: l’obiettivo, infatti, è di portare all’Esposizione Universale in Italia un milione di visitatori cinesi. La seconda e la terza riguardano la stretta cooperazione tra le Province cinesi e le Regioni Italiane e le potenzialità di Expo Milano 2015 come piattaforma per rafforzare gli scambi e favorire opportunità di business grazie al contributo di Camera di commercio di Milano e Promos. Promuovere il Padiglione Cinese in Italia e far conoscere l’evento del 2015 ?in Cina attraverso speciali roadshow nelle principali province cinesi per illustrare le sfide e il tema della manifestazione, “Nutrire il pianeta. Energia per la Vita”, sono le attività principali previste per sviluppare l’area culturale del progetto. Sarà inoltre attuata una strategia di promozione, grazie a mascotte e testimonial, per creare occasioni di business con aziende cinesi in co-branding e licensing.

Previous Story

Quando investire in un master cambia l’azienda e fa crescere i ricavi del 10%

Next Story

Crescere si può, si deve: gli industriali propongono una terapia d’urto