E’ “made in Veneto” e all’avanguardia la soluzione per il bike sharing elettrico

PADOVA – Il “made in Italy” tecnologico comincia a vincere la sfida con la concorrenza internazionale anche nel campo della mobilità “verde”: a Padova sono state inaugurate le prime tre pensiline fotovoltaiche destinate ad alimentare 15 postazioni di bike sharing elettrico, che mettono a disposizione dei cittadini padovani nuovissime biciclette elettriche progettate e realizzate in Italia. ?Il progetto, avviato nel 2010 e sostenuto da fondi regionali, ha coinvolto tre importanti realtà venete: Solon SpA, azienda italiana del gruppo Solon, uno dei principali player mondiali del settore fotovoltaico, Italwin, la società padovana leader nella produzione di biciclette elettriche, e il Parco Scientifico Tecnologico Galileo, centro di innovazione padovano specializzato anche nel design e nell’arredo urbano. Ciascuna postazione è dotata di biciclette elettriche?a pedalata assistita, collocate in una pensilina dotata di cinque moduli fotovoltaici?in silicio policristallino da 200 watt realizzati ad hoc con doppio vetro per lasciar filtrare naturalmente la luce del sole sotto la copertura della pensilina. Gli elementi innovativi del progetto consistono nello sviluppo di un prototipo di bicicletta a pedalata assistita conforme alla normativa EU 15194 con un motore elettrico della potenza di 250 watt capace di assistere fino alla velocità di 25 km/h, limite massimo per non essere considerata un ciclomotore. «Due sono gli elementi che fanno della bici realizzata un progetto innovativo capace di superare la tecnologia giapponese», dichiara Mauro Tomasoni, amministratore delegato di Italwin. «Da un lato lo sviluppo di un sistema particolarmente sensibile e preciso di rilevazione e codificazione della forza applicata ai pedali dal ciclista, che viene usata per modulare ?l’assistenza di un motore elettrico posizionato nel mozzo anteriore del telaio; dall’altro lato, un software parametrico capace di aiutare in maniera progressiva e non lineare la pedalata per massimizzare la facilità d’uso della bicicletta, la sua sicurezza (risposta e velocità) e ottimizzare l’autonomia della batteria». Particolarmente soddisfatto della conclusione del progetto anche Emiliano Pizzini, presidente e amministratore delegato di Solon Spa: «Abbiamo colto la sfida ideando una soluzione esteticamente armoniosa con il contesto urbano, attraverso la realizzazione e l’installazione di moduli fotovoltaici studiati appositamente per queste pensiline, le prime ad approdare nella città di Padova, riconosciuta a livello internazionale per essere il distretto fotovoltaico italiano d’eccellenza». La pensilina è stata realizzata in acciaio tubolare zincato a caldo e verniciato a forno che consente ?l’integrazione interna della componentistica degli ovidotti, offrendo un risultato estetico essenziale e pulito. La stessa platea in calcestruzzo, con armatura in acciaio, è stata pensata per permettere una dispersione a terra atta a garantire la sicurezza dei ciclisti nell’area di deposito della bici. Massimo Malaguti, direttore generale del Parco Scientifico Tecnologico Galileo, sottolinea come «il design della pensilina sia stato concepito con il duplice intento di soddisfare un’estetica gradevole, disegnando lo spazio urbano delle postazioni di bike sharing secondo un principio di armonia fra componentistica tecnologica e spazi adibibili alla pubblicità, senza i quali i servizi di bike sharing non riescono a trovare una propria sostenibilità economica».

Previous Story

E’ nata la rete delle associazioni per sostenere la crescita di 900 pmi

Next Story

LIBERALIZZAZIONI: migliora il mercato italiano, ma la strada è ancora lunga

Latest from Green Economy