FEDERCOMATED: le ristrutturazioni siano detraibili anche per gli edifici industriali

MILANO – Federcomated, la Federazione nazionale dei distributori di materiali per l’edilizia, valuta positivamente l’imminente decreto del ministro dello Sviluppo economico che, fra le varie misure previste, eleverebbe dal 36 al 50% le detrazioni per interventi di ristrutturazione edilizia (con il probabile innalzamento da 48 a 96mila euro del limite di importo detraibile) e metterebbe a regime le detrazioni al 55% (fino a 100mila euro) per gli interventi di riqualificazione energetica. «Sono misure importanti quelle in via d’approvazione – afferma Giuseppe Freri, presidente di Federcomated – ma noi riteniamo che si possa fare anche di più estendendo le detrazioni per interventi di ristrutturazione edilizia anche a uffici, edifici industriali e commerciali. Non soltanto, quindi limitandole, all’edilizia residenziale privata. L’estensione della detrazione darebbe, a nostro parere, una forte spinta all’economia. Sono 9mila in Italia – rileva Federcomated – le imprese della distribuzione edile con 60mila occupati per un mercato (dato 2011) stimato in 20 miliardi di euro, oltre il 12% del mercato complessivo dell’edilizia. «Un altro intervento che riteniamo indispensabile per innescare un processo di ripresa – aggiunge Freri – è che diventi permanente la detrazione sul risparmio energetico con una decisa sburocratizzazione delle procedure per ottenerla».

Previous Story

Accordo con la taiwanese FFG per la leader piacentina delle macchine utensili

Next Story

Cosa chiedono le imprese per ripartire: deroghe normative e snellezza burocratica

Latest from Associazioni