Forgiato a Brescia lo chassis d’alluminio per il super pc delle università italiane

POLAVENO – Anche una piccola azienda metalmeccanica del bresciano ha partecipato alla realizzazione  del supercomputer più efficiente e più “green” mai costruito in Italia: la Elmec ha infatti fornito alcuni componenti speciali in alluminio impiegati nello chassis del maxielaboratore realizzato da Eurotech e Nvidia per il Cineca, il consorzio di ricerca formato da 54 università italiane. «Siamo orgogliosi di aver contribuito al “confezionamento” di questo super pc, che ha un’efficienza energetica superiore del 30% rispetto agli altri elaboratori top utilizzati nel mondo», spiega Giovanni Palini, general manager della società fondata una trentina d’anni fa e oggi specializzata nella produzione di chassis, interfacce e contenitori per apparecchiature elettroniche. L’azienda, che oggi occupa una quarantina di addetti e ha chiuso il 2012 con un fatturato di circa 5 milioni di euro, ha rafforzato negli anni la sua vocazione seguendo l’espansione del settore dell’automazione industriale, fino a sviluppare tipologie costruttive per diversi altri ambiti, dalle telecomunicazioni al sistema ferroviario, dall’elettromedicale alla  domotica, «tutti quei settori dove si applica l’elettronica per gestire e automatizzare processi e dove è necessario fornire “carrozzerie” molto customizzate per applicazioni speciali». Così oggi può annoverare tra i suoi clienti compagnie come Alstom, Bombardier, Trenitalia, Exor e Gefran. Punto di forza di Elmec è la capacità di differenziazione e specializzazione, aggiunge Palini: «Come altri, anche noi abbiamo a che fare con lavorazioni di metallo, in particolare l’alluminio, ma in realtà siamo fornitori evoluti dei produttori di elettronica e software, perché sappiamo far dialogare terminologie e competenze meccaniche con quelle elettroniche». Di Elmec hanno iniziato ad accorgersi anche operatori esteri, tanto che l’azienda bresciana ha avviato la sua internazionalizzazione: «Siamo sbarcati in Germania e stiamo penetrando bene anche in Bulgaria, che è un mercato in forte crescita per il settore del broadcasting e delle telecomunicazioni». Accanto al forte know how e alla capacità di supporto al cliente per la progettazione meccanica, tra gli sviluppi più recenti dell’attenzione di Elmec al mercato c’è quello del design: «Abbiamo già attivato alcune collaborazioni con studi di design industriale e possiamo quindi fornire un supporto specialistico sin dalle fasi iniziali del concept progettuale, conformando l’aspetto estetico alle esigenze di qualità, robustezza e affidabilità delle strutture meccaniche».

Previous Story

UCC: la caldareria reggerà nel 2013 grazie alle esportazioni in crescita

Next Story

I freni accelerano: investimento da 115 milioni per crescere in Usa e Brasile

Latest from Innovazioni & Start up