Fornitura marchigiana per i quadri elettrici della linea 5 della metro milanese

JESI – Imesa, azienda del Gruppo Schiavoni (750 addetti, 106 milioni di euro di fatturato) attiva nel campo delle costruzioni elettromeccaniche, si è aggiudicata la gara indetta da Alstom Ferroviaria per la fornitura di quadri elettrici della tratta Garibaldi – San Siro (lunga circa 6,7 chilometri) della nuova linea 5 della metropolitana di Milano, infrastruttura in costruzione in vista dell’Expo 2015 e in parte già aperta. La commessa, del valore di 1 milione e 180mila euro, comprende la fornitura entro il mese di settembre di 25 quadri elettrici, uno studio applicativo dei sistemi di protezione (in modo che la nuova strumentazione dialoghi con quella esistente garantendo continuità di servizio) e un corso di addestramento per i tecnici Alstom che cureranno la manutenzione. «Un risultato molto importante perché apre nuovi scenari per Imesa nel settore delle costruzioni ferroviarie e metropolitane», commenta Sergio Schiavoni, presidente del Gruppo Schiavoni. «Abbiamo vinto contro multinazionali molto forti in questo settore perché riusciamo a fornire un prodotto ad alti standard di qualità e sicurezza e a prezzi competitivi. In fase di valutazione delle proposte pervenute, Alstom ha avuto modo di toccare con mano le nostre costruzioni giudicando il prodotto estremamente efficiente, sicuro e di facile manutenzione». Con sedi a Roma, Milano e Dubai, Imesa è tra i leader europei nella produzione di quadri elettrici di media e bassa tensione, sezionatori isolati per la media tensione da interno e da esterno, sistemi di supervisione e controllo e impianti elettrici chiavi in mano. Conta 250 dipendenti e vanta collaborazioni con importanti aziende italiane ed estere come Enel, Saipem, Terna, Technimont, Converteam, Fincantieri, Eni, Enipower, Ansaldo Sistemi Industriali,? Technip Italy e Lukoil.

Previous Story

CNA: al via il counseling di quartiere per aiutare artigiani e piccoli imprenditori

Next Story

Un nuovo super-cavo sottomarino da 50 milioni per il mega-parco eolico tedesco

Latest from Segnali di ripresa