Il colosso farmaceutico investe 50 milioni nel nuovo stabilimento italiano

MODUGNO – Sono iniziati i lavori di ampliamento e potenziamento dello stabilimento di produzione della Merck Serono. La posa della prima pietra, presso l’insediamento barese di Modugno, è stata celebrata alla presenza di numerosi ospiti illustri, tra i quali i vertici nazionali e internazionali del Gruppo Merck, le istituzioni nazionali e locali e il direttore generale di Farmindustria Enrica Giorgetti. Un anno fa il presidente dell’Executive Board di Merck, Karl-Ludwig Kley, annunciava un piano di investimenti pari a circa 50 milioni di euro, per consentire allo stabilimento pugliese di rispondere con ancora maggior efficienza e tempestività alla crescente domanda di farmaci biotecnologici. Il sito, che oggi occupa 173 dipendenti, produce infatti un’elevata percentuale dei farmaci biotecnologici del Gruppo, distribuiti in oltre 100 Paesi del mondo. «La storia di questo stabilimento – ha detto il presidente Kley – è una storia di successi, costruita sulla passione e sul coinvolgimento dei suoi dipendenti, che negli anni hanno dato un contributo essenziale per far sì che questo sito diventasse una realtà strategica per il gruppo e un valore importante per il territorio in cui opera. É anche una storia di continuo miglioramento tecnologico che, anno dopo anno, ha consentito la crescita di questo sito all’interno dell’organizzazione Global Manufacturing & Supply di Merck». Thierry Hulot, vicepresidente esecutivo e responsabile del Global Manufacturing & Supply di Merck Pharmaceutical, ha aggiunto che «l’investimento di Merck nella struttura biotech di Bari determinerà il rafforzamento della nostra rete globale con benefici anche per la comunità locale. Questo investimento rappresenta solo una parte di un impegno più ampio dell’azienda per il rafforzamento delle nostre capacità produttive. Di fatto garantisce la continuità nella fornitura di medicinali biotecnologici di alta qualità che soddisfano le crescenti necessità dei pazienti, specialmente nel trattamento di patologie oncologiche, sclerosi multipla e infertilità». All’interno del network globale di produzione biotech di Merck Serono, il sito di Modugno-Bari si occupa delle attività di “fill & finish”, insieme ad altri due stabilimenti: quello tedesco di Darmstadt e quello svizzero di Aubonne. Il completamento delle nuove infrastrutture dello stabilimento è previsto in due anni, per il settembre 2017. Anche la Regione Puglia è impegnata a sostenere l’intervento con un contributo finanziario di circa 10 milioni di euro, attraverso un apposito contratto di programma.

Previous Story

Dall’est “sbarcano” le tecnologie innovative per la gestione delle acque

Next Story

Goccia dopo goccia si irriga e si sviluppa l’agricoltura del futuro

Latest from Segnali di ripresa