La lucidatura isotropica riduce l’attrito e migliora gli “ingranaggi” del business

 

TURATE – «Da tempo ci eravamo posti l’obiettivo di sviluppare il processo della lucidatura isotropica per il trattamento delle superfici metalliche e ora stiamo collezionando parecchie soddisfazioni»: lo racconta Emilio Diaco, responsabile di produzione de La Finitura, microimpresa di Turate specializzata nella pulitura, lucidatura e vibrofinitura di oggetti metallici. Nata nel 2011 dallo scorporo di una precedente azienda meccanica fondata dallo stesso Diaco, La Finitura impiega oggi tre dipendenti ha cominciato a ritagliarsi una presenza significativa nella filiera della meccanica. «La lucidatura isotropica – spiega Diaco – è una particolare lavorazione che consiste nell’asportazione controllata del materiale, cioè rimuove asperità microscopiche rendendo lisci i denti degli ingranaggi o delle coppie coniche, riducendo l’attrito e la rumorosità, migliorando l’accoppiamento e la lubrificazione e, di conseguenza, abbassando la temperatura di esercizio della macchina». I clienti che si affidano a La Finitura provengono dai settori industriali più disparati: dalla chimica alla farmaceutica, dall’alimentare all’arredamento, dall’illuminazione alla nautica, dall’automobilismo al tessile. «Operando esclusivamente come contoterzisti, mettiamo a disposizione la nostra competenza, esperienza e professionalità nel rispondere alle specifiche richieste del committente. Ecco perché è importante avere un ampio spettro di possibilità d’intervento su settori diversi, anche se quest’anno la crisi si è fatta sentire in modo significativo: le imprese hanno ridotto drasticamente gli investimenti e le commesse sono diminuite». Nonostante le difficoltà contingenti, la start up comasca ha intenzione di migliorare la propria posizione sul mercato: «la strategia per il 2014 prevede la partecipazione ad alcune fiere di settore e l’acquisto di un nuovo rugosimetro, uno strumento che serve a misurare il grado di finitura delle superfici. Il modello che entrerà in servizio è in grado, a differenza di quello attualmente utilizzato, di effettuare misurazioni nelle cavità degli oggetti, come le sedi di guarnizione, di valvole o di raccordi. Rappresenterà un ulteriore miglioramento del nostro processo produttivo». E farà girare meglio gli “ingranaggi” del business…

 

Previous Story

Oltre 2.500 ore di formazione per realizzare gli impianti enologici del futuro

Next Story

La cogenerazione al servizio della miglior produzione agroalimentare italiana

Latest from Innovazioni & Start up