La reazione alla crisi delle aziende italiane: al via il Premio «Le Tigri» 2012

?

MILANO – Il sistema economico e finanziario italiano e più in generale europeo attraversa una difficile fase congiunturale, nella quale tuttavia il sistema delle piccole e medie imprese può recitare un importante ruolo per stimolare la ripresa.? è in questo contesto che si colloca la terza edizione del Premio «Le Tigri», promosso da TickMark con il contributo di Banco Popolare, Quaeryon e Sidin. Il premio, che sarà assegnato in giugno, vede il supporto scientifico di Atlante Green? (Imprese italiane sostenibili), Associazione Cerif, Fondazione Cuoa, Kilometrorosso e Moore Stephens. Secondo l’Istat lo scenario macroeconomico ha registrato nel 2011 una staticità assoluta relativamente ai volumi di produzione industriale, con dinamiche diversificate tra i diversi settori: buoni risultati per i beni durevoli (macchinari e attrezzature +8,6%, altra meccanica +3,9%) e più deludenti per il comparto energia elettrica-gas (-2,3%). «Le tensioni sul debito sovrano nell’area dell’euro, il commercio globale in rallentamento nel quarto trimestre 2011 dopo la ripresa del terzo trimestre, la domanda interna in riduzione, anche per effetto delle manovre correttive di finanza pubblica, si riflettono nei sondaggi congiunturali sulle aspettative a breve termine delle imprese, che hanno registrato un diffuso pessimismo e che vedono peggiorate le attese circa i loro livelli occupazionali», spiega Susanna Ercoli, responsabile del Laboratorio delle Imprese di Banco Popolare. Al contrario, le stime preconsuntive illustrate da Prometeia vedono il fatturato dell’industria italiana per il 2011 in crescita, con aumenti diffusi alla gran parte dei settori e, nonostante gli ultimi mesi siano stati caratterizzati da un netto calo delle vendite, le esportazioni di manufatti italiani sono cresciute complessivamente del 12,6% nei primi dieci mesi del 2011.? «Sono visioni che raccontano di una situazione produttiva a due velocità», aggiunge Ercoli. In tale contesto si colloca la terza edizione del premio «Le Tigri», lanciato nel 2010 da TickMark, che ha visto l’adesione nell’ultima edizione (2011) di oltre 60 pmi. Il Premio intende identificare e portare alla ribalta proprio quelle aziende e i loro manager che, pur in un contesto economico-finanziario difficile ed a crescita nulla, sono stati in grado di reagire e di sviluppare la loro capacità di innovare e di trovare soluzioni strategiche tali da far registrare positivi risultati economici ed, in generale, creazione di valore. «Nelle prime due edizioni abbiamo potuto conoscere oltre cento storie di aziende, spesso connotate da grandi capacità strategiche, innovative e di internazionalizzazione. Si tratta di un patrimonio importante che non dobbiamo disperdere», ha dichiarato Lelio Bigogno, amministratore delegato di TickMark. La candidatura (da presentare entro il prossimo 15 maggio) è rivolta alle società di capitali e/o gruppi non quotati che negli ultimi due esercizi (2011 e 2010) abbiano conseguito indicatori economici di bilancio positivi e che non siano state oggetto nel medesimo periodo a procedure concorsuali e/o ristrutturazioni che abbiamo comportato l’utilizzo di strumenti quali la cigs. Informazioni disponibili e scaricabili dal sito www.premioletigri.com o dal sito www.tickmark.it.

?

Previous Story

Una termocoperta high tech per il Duomo di Milano

Next Story

8 marzo in bianco e nero: storia di un’imprenditrice che lotta per salvare la sua azienda

Latest from Capitali umani