LIBERALIZZAZIONI: migliora il mercato italiano, ma la strada è ancora lunga

Secondo l’annuale analisi dell’Istituto Bruno Leoni, sale al 52% l’indice di apertura dei mercati in Italia, con un incremento di 3 punti percentuali. Bene il settore elettrico, male le ferrovie

Ci.Emme.

L’Italia può definirsi un Pese a libero mercato? La risposta alla domanda è un “nì”. Ovvero sì, ma non ancora abbastanza. L’analisi è stata presentata – anche quest’anno come ogni anno dal 2007 – dall’Istituto Bruno Leoni, che nel “leggere” i dati ha dato anche un voto al governo. Promosso con sufficienza minima. Insomma, un segno di incoraggiamento, visto che 2012 il punteggio dell’Indice sale al 52%, 3 punti in più rispetto al 2011, grazie al miglioramento di dieci settori. La ragione di questa crescita – spiega l’istituto di analisi economiche – deriva dal miglioramento di quasi tutti i settori censiti (sedici), di cui dieci migliorano (quattro in maniera rilevante, cioè guadagnano almeno 5 punti), tre restano stabili e tre subiscono un modesto arretramento. Ciascun settore ha una storia a sé, ma in generale si può affermare che si iniziano a vedere gli effetti delle riforme operate dal governo Monti che, per quanto timide, segnano una cesura rispetto al passato e mettono in moto un processo che, presumibilmente, l’anno prossimo porterà a ulteriori passi avanti. Nel dettaglio, la parte del leone, nel trend di crescita dell’apertura del mercato italiano in Europa, la fa anche quest’anno il settore elettrico (77% rispetto al Regno Unito). Il progresso è riconducibile alla maggiore competizione che si rileva sul mercato, anche in conseguenza della crisi economica che ha determinato una condizione di eccesso di capacità produttiva la quale costringe i produttori a farsi una concorrenza più serrata. Tuttavia, vi è pure un elemento di forte criticità che potrebbe portare, nei prossimi anni, a rivedere la valutazione al ribasso: l’eccesso di capacità produttiva è dovuto in parte al boom della produzione rinnovabile incentivata e caratterizzata da obblighi di ritiro, dunque sottratta sia al rischio-prezzo sia al rischio-volume. Il mercato elettrico è seguito dai mercati finanziari (66% rispetto alla Svizzera) e trasporto aereo (65% rispetto all’Irlanda). I settori meno liberalizzati sono i servizi idrici (19% rispetto al Regno Unito), le ferrovie (36% rispetto alla Svezia) e le autostrade (40% rispetto alla Spagna). Un capitolo a parte meriterebbe il settore televisivo (61%), dove il mercato arretra, seppure di un solo punto, rispetto al 2011. La lieve variazione tuttavia non è dovuta a un peggioramento della situazione italiana ma principalmente a un miglioramento dei quella spagnola, col ridimensionamento dell’operatore pubblico iberico. Proprio l’estensione e il peso dell’intervento pubblico sono la maggior causa dell’arretratezza italiana nel settore.

Previous Story

La Mantovani dà il via ai lavori per la piastra di Expo 2015

Next Story

Piccole, Manifatturiere, Internazionalizzate: ma come esportano?

Latest from Ufficio studi