L’uomo dei bio-batteri sposa la leader della carta igienica

VIGNATE – Chi ha avuto modo negli ultimi tempi di frequentare le toilettes di un Autogrill, ha già potuto utilizzare, senza rendersene conto, la grande invenzione della BBA Biotech, giovane azienda costituita cinque anni fa da Lorenzo Altheimer e da altri due soci: la carta igienica impregnata di ceppi batterici che ne accelerano la «digestione», biodegradando più rapidamente anche le sostanze organiche e riducendo così? il ricorso agli spurghi. «La tecnologia si chiama Batp? (Biologic active tissue paper) e sta per essere lanciata sul mercato professionale con il marchio Papernet dal gruppo italiano Sofidel, il secondo maggior produttore europeo di carta igienica, che già guarda anche alla distribuzione verso il canale domestico», spiega Altheimer, già attivo dal ’97 nel settore delle biotecnologie applicate con la Daltech, insieme alla moglie Carla Dalla Rosa. Ma come si riesce a fare business con i batteri? «Da sempre formuliamo prodotti per la depurazione e la deodorizzazione di scarichi e fosse biologiche, utilizzando ceppi batterici “buoni”, cioè non patogeni per l’uomo o gli animali. Negli ultimi anni abbiamo condotto molti test e infine abbiamo depositato a livello mondiale il brevetto di questa nuova tecnologia, per una spesa di oltre 100mila euro. In sostanza, la nostra innovazione riguarda l’irrorazione di ceppi batterici sulla carta igienica, tramite l’inserimento di un dispositivo spray nelle linee converting per la produzione dei rotoli». I vantaggi del nuovo sistema sono notevoli: il costante rilascio di batteri negli scarichi sanitari , nella tubazioni e nelle fosse, consente di mantenere puliti e depurati questi impianti, soprattutto nei luoghi ad alta intensità di utilizzo, migliorandone la gestione igienico-sanitaria e ambientale. Niente male per una piccola azienda, ma con la grande prospettiva di diventare il punto di riferimento internazionale per le biotecnologie applicate a un mercato affamato di novità come quello della carta igienica.

Previous Story

SOLAREXPO

Next Story

Norme Uni più veloci: arrivano le nuove prassi di riferimento

Latest from Green Economy