MAROCCO GREEN: nel 2020 il 42% dell’energia arriverà da fonti rinnovabili

Milano, 8 luglio 2013 – Target: 42% di potenza installata da rinnovabili al 2020. È questo l’obiettivo fissato dal governo del Marocco. Con il piano Moroccan Solar Plan, affiancato dal Moroccan integrated wind energy project, il paese nordafricano accelera nell’energia green per arrivare a 2 GW di fotovoltaico e altrettanti di eolico nell’arco dei prossimi sette anni.
Il Marocco importa il 95% dei combustibili fossili e ha la necessità di diversificare il proprio mix energetico. Oggi le fonti rinnovabili rappresentano circa il 25% della capacità installata nel paese e il 12% del mix di generazione. Il Marocco è un’opportunità interessante per l’industria italiana delle rinnovabili, impegnata a cercare nuovi mercati dopo la riduzione degli incentivi nel nostro paese. Il dettaglio dei dati – contenuti nel focus sui paesi emergenti dell’Irex Annual Report 2013 di Althesys – sarà presentato a Milano il prossimo 11 luglio in occasione del seminario Aper-Althesys dal titolo “Opportunità di sviluppo per le energie rinnovabili elettriche in Marocco”. Il Marocco è dotato di un grande potenziale nelle rinnovabili, grazie all’elevato irraggiamento solare (con 1.900 ore utili annue) e all’ottima ventosità (si va da 1.800 a punte di 2.500 ore l’anno). “Un mercato interessante – afferma Alessandro Marangoni, ceo di Althesys e capo del team di ricerca – sia per i costi molto bassi sia per gli elevati tassi di crescita nei consumi di energia, che si innestano su un target ambizioso per il settore green”. Scenari, casi pratici d’investimento, quadro regolatorio, potenzialità e politiche governative sono al centro del seminario organizzato da Aper, Associazione produttori energia da fonti rinnovabili, e Althesys, società di consulenza strategica nei settori dell’energia e dell’ambiente dal titolo “Opportunità di sviluppo per le energie rinnovabili elettriche in Marocco”.   

Giovedì 11 luglio 2013 – Aper, sala conferenze
Milano via GB Pergolesi 27 (MM Caiazzo, Linea verde)

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*