Maxi operazione da 14 milioni di euro per salvare il prosciutto dop friulano

SAN DANIELE DEL FRIULI – Con l’avvenuta accettazione dell’offerta di acquisto formulata dalla Promo San Daniele Spa – società partecipata dal Consorzio del Prosciutto di San Daniele e dalla finanziaria regionale Friuli Venezia Giulia Friulia Spa – per il ritiro dell’intero magazzino di prosciutti San Daniele Dop della Brendolan prosciutti Spa in liquidazione e in concordato preventivo presso il Tribunale di Vicenza, si conclude la complessa ed articolata operazione pensata e coordinata dal Consorzio del prosciutto di San Daniele fin dall’estate 2013. La Brendolan, una delle più importanti e storiche aziende operanti nel distretto friulano del prosciutto, rappresentava con la sua produzione oltre il 12% dell’intero comparto. Ragione per la quale il Consorzio ha fin da subito inteso intervenire per agevolare la consorziata nella liquidazione del proprio magazzino a un prezzo equo e, al contempo, agire per preservare il valore e l’immagine del prosciutto di San Daniele. In sostanza l’operazione è stata strutturata sulla base di un acquisto collettivo coordinato del magazzino di Brendolan per il tramite della Promo San Daniele Spa. L’iniziativa ha avuto un’unica regia anche dal punto di vista promozionale; infatti, il Consorzio ha assicurato adeguate azioni di marketing, rese operative per assistere le proprie consorziate nella vendita di tali prosciutti nel corso di tutto il 2014. Il progetto è stato reso possibile grazie alla cooperazione tra diversi soggetti coinvolti dal Consorzio. In primis la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, che ha favorito i rapporti tra tutti i soggetti istituzionali; Friulia, che ha contribuito a strutturare finanziariamente l’operazione e rafforzare patrimonialmente Promo San Daniele; i tre istituti di credito del territorio: Banca di Cividale Spa, Banca Popolare Friuladria Spa e Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia Spa che sostengono finanziariamente Promo San Daniele per la realizzazione dell’operazione; l’Ineq – Istituto Nord Est Qualità, che assicura la selezione qualitativa e l’identificazione dei prosciutti oggetto di acquisto. Infine i produttori consorziati che aderiscono e sono impegnati con Promo San Daniele a rilevare l’intero magazzino. Il valore totale dell’operazione, che sarà conclusa entro il 2014, è molto significativo: basti pensare che il solo prezzo dell’acquisto del magazzino sfiora i 14 milioni di euro.

Previous Story

Tra Piemonte ed Emilia Romagna il network della meccatronica chiavi in mano

Next Story

ALTIS: Differenziare, migliorare, proteggere: la sostenibilità nella supply chain

Latest from Percorsi d'eccellenza