Non solo crisi: c’è una realtà metalmeccanica che forma, assume e fa utili

LEGNANO – Se in un periodo di crisi generalizzata per l’industria metalmeccanica una piccola impresa lombarda riesce a chiudere il 2011 con un segno positivo rispetto all’occupazione (+26%) e al margine operativo (+32%), riducendo allo stesso tempo del 66% l’incidenza degli infortuni, significa che è stata condotta una vera e propria «rivoluzione» in azienda: è proprio quello che è successo alla C.M.L. (Costruzioni meccaniche legnanesi), che quest’anno festeggia i suoi primi sessant’anni di attività dedicati alla produzione di riduttori conici e a vite senza fine per settori quali l’oil & gas, la chimica, la distribuzione e trattamento delle acque. Entrata a far parte nel ’95 della divisione Mastergear del gruppo statunitense Regal-Beloit Corporation, oggi la C.M.L. occupa una cinquantina di addetti e ha registrato nel 2011 un fatturato di 13 milioni di euro, di cui il 64,5% è frutto delle vendite all’estero. Ed è proprio il personale la chiave di volta del successo: «La formazione è sempre stata un punto di forza della nostra azienda, non solo riguardo a quella obbligatoria come la prevenzione e la sicurezza, ma anche all’aggiornamento sui processi produttivi e gestionali», racconta Felice Pastori, amministratore dell’azienda legnanese. Nel 2011 sono stati attivati corsi specifici finanziati da Fondimpresa per migliorare la conoscenza e l’applicazione sulle macchine a controllo numerico, mentre nel 2012 il piano formativo porrà l’accento sulla gestione e motivazione del personale, «per poter valutare le prestazioni individuali di ogni singolo lavoratore». D’altro canto, l’investimento nel capitale umano deve poter essere monitorato e misurato: alla C.M.L. hanno imparato a farlo, tanto da aver registrato, tra il 2010 e il 2011, una crescita del 18% della produttività e del 35% rispetto ai tempi di consegna. Dati che hanno consentito all’impresa di Legnano di aggiudicarsi il premio Assomec per la miglior sostenibilità integrata in ambito formativo.

Previous Story

SOLAREXPO

Next Story

Norme Uni più veloci: arrivano le nuove prassi di riferimento

Latest from Capitali umani