Obiettivo Germania per la prima filiera metalmeccanica «flessibile»

PIACENZA – Dopo la partecipazione al Mecspe di Parma, la presentazione sul mercato tedesco è stato il vero battesimo del fuoco per Piacenza Mec Group: la neocostituita rete d’imprese metalmeccaniche piacentine ha infatti debuttato in Europa portando il proprio innovativo progetto di filiera integrata all’attenzione dei grandi operatori professionali presenti alla Fiera di Hannover, polo fieristico mondiale della tecnologia e dell’automazione: «Abbiamo avviato contatti molto importanti con i responsabili di primarie aziende tedesche, interessate alla nostra proposta produttiva e di servizio», spiega Paola Polloni, business network manager di Piacenza Mec Group, che ha coordinato il progetto di aggregazione promosso da Confapi Piacenza e reso possibile dall’unione d’intenti di dieci imprese meccaniche della provincia piacentina: Pieffe Disegni, TTA, Metalgrigliati, Tecnocarp, We.Ma., Ares, Alberici, FG, LM Montari e G20 Engineering. «Di fatto questi imprenditori operavano come contoterzisti con grande esperienza e competenza tecnica e lavoravano già insieme per imprese più grandi. Hanno colto il vantaggio di unire le forze per poter ottenere commesse e progetti più rilevanti di quelli che avrebbero potuto raggiungere da soli». La rete funziona molto bene perché sviluppa sinergie rispettando l’identità di ciascuna impresa aderente: «Ogni azienda della filiera continua a operare in modo indipendente, ma quando si presenta un cliente con un progetto da realizzare è la rete che risponde. Piacenza Mec Group è in grado di sviluppare l’intero ciclo di produzione, dal concept fino al trasporto e consegna chiavi in mano passando per taglio lamiera, carpenteria, verniciatura, trattamenti termici, montaggi, rettifiche e test non distruttivi, ma possiamo intervenire anche su processi parziali, ovvero dal punto o fino al ciclo richiesto dal cliente. Così non è essenziale che tutte e dieci le imprese partecipino sempre contemporaneamente allo stesso progetto. La flessibilità operativa è il nostro punto di forza». Che ha già incontrato il gradimento di alcuni importanti clienti italiani ed esteri, come Breton, Geismar, Promac, Scm Group e Wei.

Previous Story

MCTER: Cogenerazione, biomasse, biogas

Next Story

Con il “cruscotto” Inaz si diventa fornitori top di stampi e scocche per Ferrari

Latest from Mercati esteri