Omnialog rende più efficace la prevenzione dei disastri ambientali

CREMA – L’autunno si presenta “caldo di innovazione” per Maxwell Industries, la giovane azienda di ingegneria e automazione industriale (partecipata dal gruppo trentino BM Group), incubata presso il consorzio Crema Ricerche. Un anno di lavoro in collaborazione con Sisgeo, azienda dell’est milanese leader internazionale nel settore geotecnico, ha portato alla nascita di Omnialog, un datalogger dedicato proprio alla geotecnica e all’ingegneria civile in genere. Giallo autunnale come le foglie degli alberi in questa stagione, il prodotto è pensato per la gestione avanzata di misurazioni analogiche e digitali nel monitoraggio ambientale. «Omnialog può essere utilizzato per il monitoraggio dei parametri strutturali di ponti, dighe, gallerie – spiega l’ingegner Emilio Pozzi di Sisgeo – e agire in modo preventivo e tempestivo contro i disastri ambientali, nel pieno rispetto del nostro mondo e della natura. Grazie a Maxwell Industries, la creazione di un sistema di misura che rispetti i nostri elevati standard qualitativi è ora realtà». «Quando Sisgeo ci ha contattati e ci ha proposto questo progetto – racconta Massimiliano Bellino, project manager di Maxwell Industries – abbiamo accolto con entusiasmo la sfida che ben si sposa con la nostra filosofia aziendale: progettare e sviluppare strumenti di misura nel rispetto dell’ambiente«. Come rivelato dal proprio nome, Omnialog è uno strumento utilizzabile in tutti i campi dove si richiedano misurazioni precise? e un monitoraggio accurato; sarà presentato per la prima volta da Sisgeo a Geofluid (la mostra internazionale di tecnologie e attrezzature per la ricerca, estrazione e trasporto dei fluidi sotterranei, in corso a Piacenza dal 3 al 6 ottobre) e successivamente al Save di Verona (la mostra-convegno per l’automazione, strumentazione e sensoristica in programma il 24 e 25 ottobre). «I due eventi – spiega Bellino – costituiscono un palcoscenico ideale per illustrare al pubblico le potenzialità del nuovo nato, permettendo l’incontro diretto tra gli sviluppatori, i produttori e il pubblico di progettisti, responsabili tecnici, ingegneri civili, manager, strumentisti e tutte le altre figure professionali del settore geologico». Presso lo stand di Maxwell Industries sarà così possibile conoscere le applicazioni di Omnialog e tutta la gamma di strumentazione per automazione e monitoraggio, ideale sia per l’industria sia per il settore dell’energia da fonti rinnovabili. Nell’ambito della continua evoluzione sul fronte della ricerca tecnologica, gli ingegneri della società cremasca sono sempre a caccia di soluzioni innovative: tra i progetti in studio di fattibilità merita particolare attenzione il progetto smart grid nell’ambito della gestione “intelligente” dell’energia. Grazie agli strumenti sviluppati da Maxwell Industries, la rete elettrica delle città potrà essere gestita in maniera più efficiente, distribuendo in modo controllato l’energia ed evitando sprechi, cadute di tensione e/o sovraccarichi. La trasformazione da city a “smart city” è possibile grazie a un sistema pensato per ottimizzare il trasporto (Log.I.Co. Logistic Intelligent Controller, sviluppato da un’idea di Pointcar in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano) e la diffusione dell’energia, redistribuendo eventuali surplus da alcune zone ad altre momentaneamente carenti, e il tutto, ovviamente, in tempo reale. «L’idea è ambiziosa – aggiunge Bellino – perché la volontà è di estenderla non solo a livello locale, ma provinciale, regionale e infine nazionale, creando una “smart country” a livello di gestione energetica e di trasporto merci». Superata pertanto la fase di studio di fattibilità, il progetto richiederà ulteriori investimenti per giungere alla fase di industrializzazione e commercializzazione.

Previous Story

Tra Buccinasco e Paullo è nata una cooperativa “lunga” 35 km

Next Story

Fidelitas sceglie la specialista “mes” per gestire trasporto valori e vigilanza

Latest from Innovazioni & Start up