Per le imprese trasformare Milano in una smart city vale 1,5 miliardi

MILANO – Creare una smart city sarebbe un vantaggio da 1,5 miliardi per le imprese milanesi. Grazie a meno impegni burocratici, accesso più veloce alle informazioni, interconnessione più efficiente con la propria rete di clienti e di fornitori. I tempi attesi per arrivare a una Milano smart city all’avanguardia sono dai 5 ai 10 anni. Ma gli investimenti in infrastrutture per Expo possono contribuire ad accelerare. Dove investire per avere davvero una smart city? Gli imprenditori per un terzo (33,9%) puntano sulle infrastrutture, a partire dalla rete a banda larga, pagamenti elettronici, ma anche sullo sviluppo sostenibile (26,3%) e sui servizi smart (infomobilità, eHealth, eccetera: 18,8%). Tra i tipi di servizio che si vorrebbero dal progetto smart city, il 26,9% punta sulla rete wi-fi diffusa su tutto il territorio della città, ma anche la possibilità di ottenere informazioni in tempo reale sui vari aspetti del vivere e lavorare quotidiano (17,7%). Il voto che gli imprenditori danno alle loro attività in quanto a essere “smart” arriva alla sufficienza (6). Gli imprenditori promuovono un po’ di più loro stessi per l’utilizzo delle nuove tecnologie nella sfera privata (6,4). Milano è sulla buona strada a giudicare dagli aggettivi scelti per descriverla: prima di tutto attiva (30,1%), ma anche  efficiente (6,5%). Sono questi i dati che emergono da una indagine della Camera di Commercio di Milano su oltre 200 imprese milanesi ad aprile 2013.

Previous Story

Assegnato il Good Energy Award 2013 alle eccellenze italiane dell'industria green

Next Story

Forgiato a Brescia lo chassis d'alluminio per il super pc delle università italiane