Petrolio e gas si trasporteranno via mare con le pipeline sospese

MILANO – La domanda di energia aumenta e in base ai trend attuali ci si aspetta che cresca di circa il 19% tra il 2010 e il 2020. In questo scenario, i combustibili fossili continueranno a giocare un ruolo centrale nel mix energetico dei prossimi anni, portando gli operatori a prendere in considerazione fonti di petrolio e gas nuove o che fino a oggi erano state scartate per ragioni tecniche o economiche; ci si sposterà, così, dalle aree conosciute e più accessibili, si esploreranno nuove rotte e ci si troverà a dover fare i conti con fondali marini ostici e con acque sempre più profonde o burrascose. In occasione dell’Offshore Mediterranean Conference di Ravenna, Dnv GL – Oil & Gas, advisor tecnico leader di settore a livello mondiale, ha presentato i risultati di studi di ricerca sulle evoluzioni delle condotte per il trasporto di gas e petrolio per gestire i nuovi rischi e consentire operazioni sicure anche a fronte del mutare delle condizioni operative. Come spiega Fabio Lo Brutto, Business Development Director Italy, «operare in acque profonde e ultra profonde comporta l’aumento della pressione sugli impianti, oltre a rendere difficile qualsiasi intervento di tipo strutturale. Fondali non livellati, invece, possono porre seri problemi di sicurezza agli impianti perché non garantiscono adeguato sostegno, così come i flussi torbiditici presenti in certi mari che causano depositi sedimentari responsabili di carichi eccessivi sulle pipeline. Situazioni di questo tipo hanno portato fino a oggi a intervenire sui fondali o a re-indirizzare la rotta delle pipeline con notevoli costi economici e con l’estensione dei tempi di realizzazione degli impianti». Il modello delle “floating” pipeline sfrutta in modo intelligente tecnologie già esistenti. Sviluppate originalmente per il trasporto di acqua, consentiranno di operare in condizione offshore estreme senza la necessità che gli impianti poggino sui fondali marini, contribuendo anche a ridurre l’impatto ambientale dei condotti. «La crescente complessità dei contesti in cui si opera pone sempre più l’attenzione sulla stabilità e sicurezza delle operazioni. Anche se la congiuntura economica sfavorevole porterebbe istintivamente ad adottare un approccio conservativo, investire in innovazione è imprescindibile per la crescita e lo sviluppo del settore».

Previous Story

I robot giapponesi dicono che la crisi è finita: in Italia +20% di vendite

Next Story

Cresce e cerca tecnici del web la start up delle soluzioni on line

Latest from Innovazioni & Start up