Sono “made in Marche” i quadri elettrici che illumineranno la Princess Cruises

JESI – E’ l’ultimo “colpo” della Imesa Spa, società del Gruppo Schiavoni attiva nel campo delle costruzioni elettromeccaniche e tra i leader europei nella produzione di quadri elettrici di media e bassa tensione: l’azienda marchigiana, che occupa 250 addetti, ha acquisito dal contractor tedesco Sam Electronics una commessa del valore di 900mila euro per la fornitura di quadri elettrici destinati alla nuova nave da crociera della compagnia statunitense Princess Cruises. L’accordo rafforza la collaborazione tra l’azienda italiana, già forte di prestigiose collaborazioni (tra cui Enel, Saipem, Terna, Technimont, Fincantieri, Eni, Ansaldo Sistemi Industriali) e la società tedesca, primario integratore di sistema nel settore della navigazione: «Si tratta di una partnership importante che valorizza la qualità e la flessibilità di Imesa», sottolinea Sergio Schiavoni, presidente del gruppo, nato negli anni ’60 ad Ancona e oggi protagonista sul mercato dell’elettrotecnica industriale, edile e oli & gas con 750 addetti e un fatturato di 119 milioni di euro. «Il nostro valore aggiunto sta nella capacità di adattare al meglio i quadri alle diverse tipologie di nave e alla loro destinazione. In due anni di attività con Sam Electronics, abbiamo stretto accordi per tre navi da crociera e una nave posa piloni per impianti eolici off shore, oltre che per la fornitura di otto esemplari di shore connection (speciali quadri elettrici che permettono la connessione delle navi in porto alla rete elettrica di terra, n.d.r.) destinati a megayacht e navi da lavoro». La nave da crociera della compagnia di navigazione statunitense verrà costruita da Fincantieri a Monfalcone. Il quadro elettrico di distribuzione principale gestirà l’energia necessaria ad alimentare tutti i servizi a bordo, dai motori di propulsione all’impianto di condizionamento fino alla distribuzione secondaria? dell’energia elettrica.

Previous Story

GLOBAL STRATEGY: i percorsi vincenti di internazionalizzazione di 200 pmi manifatturiere

Next Story

INDICE IFIIT: investimenti finalmente in ripresa, crescono all’estero le pmi globalizzate

Latest from Innovazioni & Start up