Tra le 500 società high tech europee a maggior crescita entrano quattro italiane

MILANO – Tra le prime 500 aziende europee high tech se ne posizionano solo quattro italiane, secondo la classifica “Deloitte Technology Fast 500 Emea”, una dei più autorevoli riconoscimenti nel settore tecnologico che premia gli sforzi e la dedizione delle aziende?appartenenti a 24 paesi dell’area Emea (Europa, Medio Oriente e Africa) che hanno fatto registrare il più alto tasso di crescita dei ricavi negli ultimi cinque anni.? L’Italia registra quattro aziende fra le 500 vincitrici: TerniEnergia, che opera nel campo delle tecnologie rinnovabili e dell’efficienza energetica; OctoTelematics, che offre soluzioni telematiche innovative per il mercato assicurativo e automotive; Triboo, che raggruppa aziende con competenze avanzate nell’e-commerce, nel web marketing, nell’interaction design e nell’advertising online; Neomobile, che offre un’ampia e diversificata serie di contenuti di mobile entertainment e di servizi di mobile payment.?Quest’anno la Francia fa la parte del leone sia nella classifica generale, con 90 aziende premiate, che nella più esclusiva classifica delle prime dieci aziende, seguita dal Regno Unito nella classifica generale (74) e dalla Turchia nei top 10.?Grande la soddisfazione tra i quattro imprenditori italiani. Secondo Stefano Neri, presidente e Ceo di TerniEnergia, «la nostra presenza nella classifica è anche la certificazione di come l’industria verde stia acquisendo profili di rilevanza industriale in rapida crescita anche in Italia, in particolare per quanto riguarda la produzione energetica pulita, il risparmio e l’efficienza energetica, il riciclo, il recupero di materia ed energia da risorse marginali. Per questo stiamo acquisendo un profilo internazionale con l’apertura di subsidiary in Europa, Sudafrica e prossimamente in India». Fabio Sbianchi, amministratore delegato di Octo Telematics, presente per il terzo anno consecutivo nel prestigioso ranking Deloitte, ha dichiarato che si tratta di «un importante riconoscimento per aver creato con intuito e dedizione il mercato dell’insurance telematic services, che ora rappresenta uno dei settori più interessanti di crescita al mondo».?Giulio Corno, presidente del gruppo Triboo, ha detto che «abbiamo scelto di presentarci come un interlocutore unico per le imprese che intendono avviare un progetto di commercio elettronico: dall’implementazione e gestione della piattaforma elettronica, alla logistica e al customer care, fornendo quindi un modello in full outsourcing comodo e soprattutto efficace. Nel 2013 proseguiremo nel progetto di internazionalizzazione avviato quest’anno con l’apertura di due sedi operative ad Atlanta e a Shangai». Infine, per Gianluca D’Agostino, amministratore delegato di Neomobile, il premio è ?«una dimostrazione di come la nostra azienda, nata solo cinque anni fa, abbia registrato un’impressionante crescita in così poco tempo a livello mondiale. In questo momento di crisi globale dimostriamo ancora una volta di essere leader all’interno di un settore in veloce crescita come quello del mobile, e di riuscire a stare al passo con una tecnologia molto avanzata che richiede rapidi cambiamenti e continui aggiornamenti».

Previous Story

Quando investire in un master cambia l'azienda e fa crescere i ricavi del 10%

Next Story

Crescere si può, si deve: gli industriali propongono una terapia d'urto