Un robot tuttofare per l’assemblaggio della nuova supercar Alfa Romeo

ALBIATE – «Per la nostra azienda, specializzata nell’automazione industriale che integra sistemi robotici per i più importanti settori industriali, è la conseguenza di un percorso imprenditoriale e professionale nato più di trent’anni fa», spiega con orgoglio Angelo Galimberti, fondatore e amministratore dell’impresa brianzola, che ha iniziato dalla cantina di casa propria a proporre soluzioni tecniche per le produzioni elettriche, elettroniche e informatiche, puntando successivamente sull’automazione per l’automotive, l’aerospaziale, la siderurgia, gli elettrodomestici, l’industria del food e del packaging. Nell’automotive, per esempio, gli impianti robotizzati progettati e installati da C.I.A. fabbricano pezzi meccanici e plastici utilizzati nelle produzioni di grandi case come Audi, Volkswagen, Bmw, Renault, Lamborghini, Ferrari, Maserati, Fiat. Per Alfa Romeo sono in fase conclusiva le isole robotizzate che assembleranno i circa 300 pezzi che compongono la scocca della nuovissima supercar 4C, in fibra di carbonio. «Realizziamo sistemi anche per produzioni sofisticate o progetti molto particolari,  come la lavorazione del marmo o la creazione di  un bar robotizzato progettato insieme al Mit di Boston, con tre robot che servono i cocktail. O ancora l’isola robotizzata con visione stereo che abbiamo sviluppato insieme al Cnr in cui riusciamo in pochi minuti a sviluppare, con persone non preparate, un percorso in auto-apprendimento con robot che normalmente richiede diverse ore di tecnico programmatore». Per la C.I.A., che occupa 30 dipendenti ripartiti nelle aree progettazione, meccanica, elettronica e assemblaggio macchine, la fase di ricerca e sviluppo è fondamentale: «nell’ufficio tecnico abbiamo 13 persone di cui 8 laureate. Finanziamo diversi progetti di ricerca applicata, curando la parte ingegneristica e le innovazioni». Ricerchiamo accordi con altre realtà industriali per sviluppare la collaborazione, aumentare la visibilità, interfacciarci con altre tecnologie per poter competere in altri mercati e commesse. Le prospettive portano ben al di là dei confini italiani: «Stiamo spingendo sul pedale dell’internazionalizzazione e dell’integrazione con partner stranieri, con un interesse prevalente verso i mercati europei e nordafricani, perché vogliamo arrivare a una maggior incidenza dell’attività estera sul fatturato (5 milioni di euro nel 2013, n.d.r.), che oggi è ancora limitata al 35% circa».

Previous Story

All'Aquila il network di ricerca per lo sviluppo tecnologico dei contact center

Next Story

L'acquisizione di Nilobit CZ porta in dote l'applicativo per la gestione agenti

Latest from Innovazioni & Start up