Verniciare ruote in lega? Gli italiani lo fanno meglio, anche in Cina

PERO – Una commessa da 6,5 milioni di euro per realizzare in Cina uno dei più grandi impianti di verniciatura per ruote in lega: l’ha acquisita IMF Engineering, azienda milanese che dal ’77 progetta e realizza impianti “chiavi in mano” per la verniciatura di diverse tipologie di manufatti metallici e contenitori in alluminio. «Mio padre Luigi ha dato vita all’impresa per rispondere alla forte domanda di trattamenti di verniciatura per il “piccolo imballaggio”, come bombolette aerosol e tubetti flessibili in alluminio destinati alla cosmetica o per prodotti alimentari», racconta l’attuale titolare e direttore generale Marco Leva. «Nel tempo l’evoluzione del mercato ci ha condotto verso la specializzazione ad alto livello soprattutto in campo automotive, dove i nostri impianti sono inseriti in importanti sistemi di trattamento per la finitura di ruote in lega e pastiglie per i freni». Di fatto, nel settore tecnologicamente più evoluto, IMF Engineering ha soltanto quattro competitor sul mercato internazionale, tra cui due colossi tedeschi che non riescono a reggere la sfida con la flessibilità e il know how tecnico-economico della compagnia italiana. «L’impianto che stiamo realizzando in Cina – spiega Leva – è il terzo che ci è stato commissionato dalla Prime Wheel, uno dei maggiori costruttori mondiali di ruote in lega, che ci ha scelto come partner tecnologico anche per i suoi stabilimenti in Usa e in Messico». Nata già con una forte vocazione all’export, oggi la IMF Engineering realizza su mercati esteri il 90% dei suoi 10 milioni di euro di fatturato, continuando ad aggiornare e qualificare il suo principale capitale, quei 34 dipendenti che negli ultimi quattro anni hanno preso parte a un intenso piano di formazione continua gestito da Assomec, sia in ambito informatico e linguistico sia soprattutto nell’implementazione del nuovo sistema di progettazione 3D. «Non potremmo essere così competitivi su progetti speciali e all’avanguardia se non puntassimo tutte le nostre chances sulla competenza e la cultura tecnica dei nostri uomini». Oltre agli impianti per l’automotive, l’azienda continua a operare con successo sul mercato dei forni e delle cabine di verniciatura per fusti metallici, un settore in cui è riconosciuta tra i primi tre player in tutto il mondo.

 

Previous Story

Si può fare la differenza tecnologica anche nella gestione dei rifiuti

Next Story

Una nuova sede nel distretto cartario per la specialista del tissue

Latest from Mercati esteri