Verso Turchia e Thailandia si espande il business dei sistemi laser vicentini

PIOVENE ROCCHETTE – Con l’apertura della nuova sede di Istanbul e la prossima inaugurazione dell’hub di vendita e assistenza in Thailandia, si consolida la strategia di internazionalizzazione di Sisma, l’azienda vicentina che in cinquant’anni di attività si è ritagliata un ruolo di leadership mondiale nel campo di tre aree produttive: sorgenti e sistemi laser di saldatura, marcatura, 3D e taglio per l’industria; laser di saldatura, marcatura e micro-taglio; fresatrici per taglio e diamantatura dedicate al settore orafo. «Stiamo lavorando molto all’estero nel settore dell’oreficeria, continuando a crescere anche in Italia grazie al boom della tecnologia laser nelle sue diverse applicazioni industriali, soprattutto nel campo della lavorazione dei metalli», spiega il sales director Paolo Cardani, che conferma dati economici di tutto rispetto: 33 milioni di euro di fatturato, di cui il 70% realizzati con l’export, e una crescita del 20% rispetto all’anno precedente. Nel nuovo stabilimento inaugurato nel 2012, dove operano 120 dipendenti, e con l’attività delle altre sedi aziendali (Sisma Mec dedicata al settore orafo e Sisma Lab per lo sviluppo di macchine speciali e di grandi dimensioni, per un totale di 160 collaboratori specializzati) vengono prodotte le macchine e i sistemi che le diverse filiali estere (Germania, Messico, Brasile, Spagna e Francia) e i distributori locali (attivi a Mosca, Dubai, Far East e ora Turchia) propongono a operatori di alto livello. «Siamo in una fase di espansione continua perché stiamo lavorando su vari settori, soprattutto nelle applicazioni speciali. In particolare, nell’ambito del taglio dei metalli abbiamo sviluppato apparecchiature di elevata qualità ed affidabilità. La domanda di applicazioni laser aumenta del 10-15% all’anno, per tutte le tipologie di componenti e materiali oggi utilizzati dall’industria», aggiunge Cardani.

Previous Story

Qualità ed ecosostenibilità “tirano” il business della pasta all’uovo premium

Next Story

Oltre 2.500 ore di formazione per realizzare gli impianti enologici del futuro

Latest from Mercati esteri