ZURICH INSURANCE: diversificazione ed esportazioni le risposte delle pmi alla crisi di mercato

MILANO – Pubblicati i dati relativi alla seconda edizione del sondaggio internazionale, realizzato da GFK Eurisko per Zurich Insurance Group (Zurich), sull’attività, le difficoltà riscontrate e le strategie di crescita adottate dalle piccole medie imprese italiane negli ultimi 12 mesi. Nel corso dell’ultimo anno il 12% delle pmi italiane ha ridotto il personale e il 9% ha dovuto contenere gli stipendi dei propri collaboratori per affrontare il perdurare della crisi economica. Per far fronte all’elevato livello di competitività e al protrarsi del calo della domanda, il 20% delle imprese ha inoltre ridotto i prezzi; va però sottolineato che il dato, confrontato con l’edizione 2013 dell’indagine (24%), fa emergere un leggero miglioramento. Il 22% delle pmi italiane, in linea con il dato globale (21%), si sono concentrate sulla diversificazione della gamma dei prodotti e dei servizi per attrarre nuovi clienti ed espandere la propria attività; segnale di un rinnovato ottimismo soprattutto se si considera che le aziende che si sono impegnate ad ampliare l’attività verso il mercato locale (11%) e ad espandere le esportazioni (12%) sono raddoppiate rispetto all’estate 2013. A fronte di una crescita economica che rimane modesta, l’8% delle imprese ha valutato l’opportunità di chiudere, ed è più che raddoppiato (9%) il numero delle imprese che hanno chiesto nuovi investimenti o ampliamenti delle linee di credito per proseguire l’attività e finanziare la crescita. In Europa, hanno continuato a ridurre i prezzi anche Spagna (26%) e Portogallo (20%) e sono insieme all’Italia gli unici Paesi europei in cui le pmi appaiono riluttanti ad assumere nuovo personale e a incrementare i prezzi.  Anche nel Regno Unito, in Svizzera e Germania la tendenza all’aumento dei salari è scesa leggermente rispetto ai risultati del 2013. Al contrario, le pmi dell’America Latina (in particolare Brasile, Messico e Argentina) dichiarano un forte aumento degli stipendi (40% – 33% -30%), e nonostante la crescita economica della regione sia ancora lenta, hanno investito nell’espansione dell’attività verso nuovi clienti target sul mercato locale e diversificato la gamma di prodotti e servizi. I Paesi dell’Asia del Pacifico come Hong Kong, Taiwan e Malesia dichiarano invece di aver incrementato molto il personale (28% – 37% – 25%) e in misura minore gli stipendi (16% – 15% – 19%). Il quadro complessivo che emerge dall’indagine sullo stato delle pmi a livello globale è positivo: esse guardano al futuro con ottimismo ampliando la propria attività sia sul mercato locale (23%) che nelle esportazioni, soprattutto attraverso la diversificazione dei prodotti e dei servizi offerti (21%). Solo una minoranza di pmi in tutti i 19 Paesi oggetto del sondaggio (tra lo 0% e il 10%) ha preso in considerazione di ridurre l’offerta o di chiudere l’attività, una su 5 ha aumentato i salari e una su 6 ha incrementato il personale.

Previous Story

Supercar e auto di lusso “indossano” i componenti stampati a Milano

Next Story

Viaggio tra le aziende manifatturiere 2.0 che hanno puntato sull'innovazione

Latest from Ufficio studi