Apprezzati anche negli Emirati Arabi i formaggi della tradizione appenninica

ASCOLI PICENO – Sabelli Spa si conferma uno dei primi quattro player nazionali nel settore caseario. Con un incremento di fatturato – da 63 milioni di euro nel 2011 l’azienda ha sfiorato il tetto dei 68 milioni nel 2013 – 150 dipendenti e il vantaggio di una struttura autonoma dedicata alla distribuzione, la Sabelli Distribuzione Srl, l’azienda mantiene una posizione di rilievo nelle quote di mercato per la produzione di mozzarella, ricotta e formaggi. I prodotti a marchio Sabelli sono sempre più richiesti anche dal mercato internazionale: il settore export ha avuto un incremento del 30,9% solo negli ultimi sei mesi del 2014, quando Emirati Arabi e Repubblica Ceca si sono aggiunti ai mercati consolidati di Francia, Spagna, Inghilterra – in primis – poi Austria, Germania, Romania e Svizzera. L’export, che negli ultimi due anni ha fruttato alla Sabelli il 5% delle vendite, pari a circa 1,5 milioni di euro di fatturato, è in continua crescita. Chi cerca l’eccellenza del Made in Italy nei prodotti Sabelli? In particolare il grande canale Horeca, che apprezza la tradizione alimentare italiana di qualità (soprattutto mozzarelle, burrate e ricotte). «Nonostante la profonda crisi che avvolge tutto il sistema, oggi Sabelli, grazie agli investimenti fatti in passato, ha la possibilità di lavorare su mercati in forte sviluppo e sempre di più grande interesse», afferma  l’amministratore delegato Angelo Galeati. «Mentre in passato il mercato estero era visto come un “di cui”, oggi questo settore è diventato cruciale per permettere a un’azienda come la nostra una continua crescita sostenibile. Una maggiore profondità assortimentale, e cioè, la creazione di una vasta gamma di prodotti, ci rende partner fondamentali per i clienti che voglio trovare tanti tipi di prodotti sotto un unico brand». La buona performance commerciale parte dall’ottimo prodotto. Sabelli produce formaggi, ricotta e latticini con cura artigianale, valorizzata da elevati standard industriali e da un business sostenibile. Le 200 fattorie dalle quali acquista la materia prima sono da sempre l’asset aziendale più importante: si trovano in zone incontaminate, come il parco nazionale dei Monti Sibillini (60 fattorie) e del Gran Sasso (10). Al consumatore è garantito un prodotto assolutamente genuino fatto con materie prime provenienti da pascoli naturali, senza l’utilizzo di mangimi chimici e controllato in tutte le sue fasi. La sostenibilità continua anche nello stabilimento, con la gestione responsabile dei reflui della lavorazione del latte e il recupero delle risorse, fra le quali grandi quantità d’acqua grazie all’utilizzo del concentratore di siero. I consumi energetici sono contenuti grazie alle fonti energetiche rinnovabili, che saranno implementate ulteriormente da un cogeneratore per la produzione di energia entro i prossimi due anni.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

La pizza italiana conquista la Cina con il prodotto da cuocere in pentola

Next Story

Producendo basi per gelato artigianale è diventata la numero uno al mondo

Latest from Percorsi d'eccellenza