ASSOGOMMA: Premiate le eccellenze innovative e le aziende storiche della gomma

MILANO – Si è svolto ieri sera presso il Mercedes-Benz Center di Milano l’evento celebrativo per i 70 anni di Assogomma, l’associazione che rappresenta le aziende italiane che producono articoli in gomma: un settore che vale 5,5 miliardi di euro con una produzione annua di oltre 700mila tonnellate ed esportazioni per 5 miliardi. Presenti 270 partecipanti tra imprenditori, giornalisti e ospiti internazionali e istituzionali, la serata si è aperta con il saluto del presidente di Assogomma Marta Spinelli e il riconoscimento consegnato alle tante aziende storiche del settore, a cui è seguito il riconoscimento assegnato alla filiera rappresentata dal Cerisie, dalla storica rivista “L’industria della gomma” e da Ecopneus. Anche l’Associazione dei produttori di macchine è stata protagonista della serata, con il Presidente di Assocomaplast Alessandro Grassi sul palco, a consegnare il premio in qualità di aziende storiche alla Comerio Ercole, alla Rodolfo Comerio e alla Pomini Rubber & Plastics. l’Italia infatti, oltre che per i prodotti finiti, è leader mondiale nel mercato dei macchinari che le aziende esportano in tutto il mondo e sono apprezzate ovunque per tecnologia, affidabilità e qualità. Il cuore della serata è stata l’assegnazione degli Awards della Gomma, a cui potevano concorrere tutte le aziende trasformatrici associate. Cinque i temi – made in Italy, sostenibilità, internazionalità, sicurezza e innovazione tecnologica – e 15 le aziende premiate, che rappresentano l’eccellenza del settore nelle rispettive categorie: dai pneumatici ai tubi, dagli articoli in lattice per il settore sanitario ai prodotti tecnici per l’automotive e non solo. A chiudere la serata un omaggio alla IVG Colbachini in occasione del 270 anniversario della fondazione e il ringraziamento ai soci fondatori che ancora oggi fanno parte di Assogomma. La serata è stata un inno corale ad un materiale unico, strategico e insostituibile che trae origine da una pianta e che solo a metà del secolo scorso è stato possibile riprodurre sinteticamente, grazie anche a quella che oggi è la Versalis, che ha ricevuto per questo suo ruolo un riconoscimento dall’associazione. Oggi molte applicazioni sono ancora in gomma naturale. Dove è necessaria elasticità, tenuta alle altissime e bassissime temperature, capacità isolante e aderenza, l’unico materiale possibile è la gomma: persino il primo passo sulla luna non sarebbe stato possibile senza le suole in gomma!

Previous Story

La specialista mondiale dei gruppi statici acquisisce la polacca Delta Power

Next Story

Una nuova acquisizione e +30% di fatturato per i “grossisti” dell'acciaio

Latest from Associazioni