Con la saldatura a frizione si fabbricano gli alberi motore più resistenti sul mercato

MONTECCHIO MAGGIORE – Riuscire a chiudere il bilancio in utile di questi tempi non è cosa da tutti, ma per la Meva, torneria meccanica di precisione nata negli anni ’70 (allora come Fratelli Vantin), il mercato continua a dare segnali positivi, con un esercizio 2012 chiuso a 2,5 milioni di euro di fatturato. Quale la chiave del successo? «Già da vent’anni utilizziamo la tecnologia della saldatura a frizione, che non implica l’apporto di materiali di saldatura ma avviene per riscaldamento di due elementi d’acciaio che rammolliscono per effetto dell’attrito e si compenetrano in modo uniforme», spiega Dioniso Saccardo, amministratore della società vicentina. «Le aziende italiane che hanno adottato questa tecnologia si contano sulle dita di una mano, anche perché è destinata ad applicazioni speciali: nel nostro caso, la lavorazione di alberi motore e meccanismi per l’automazione, destinati anche al trasferimento e alla gestione di fluidi aggressivi, come ad esempio i lubrorefrigeranti utilizzati in certe macchine utensili». Così, nel reparto tecnico della Meva, che conta in totale su 18 addetti, la lavorazione effettuata con la saldatura a frizione garantisce un’elevata resistenza alla corrosione e il buon rendimento del motore elettrico, di solito costruito in acciaio al carbonio o ferromagnetico, garantendo risparmio nei costi, efficienza cinematica e resistenza chimica. Molteplici le applicazioni e le produzioni che si avvalgono di questa specializzazione: «Collaboriamo con aziende specialiste nella produzione di pompe e gruppi a controllo elettronico, automatici e a pressione per diversi impieghi in ambito civile, industriale, agricolo e per l’edilizia», aggiunge Saccardo. Che evidenzia anche i forti investimenti sostenuti per innovare il processo produttivo: «Dal 2010 abbiamo implementato il sistema di controllo e misura, anche in 3D, per offrire un prodotto con rapporti dimensionali garantiti; abbiamo anche avviato il processo di lean manufacturing per minimizzare gli sprechi».

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Arriva la start up che aiuta l’impresa a “produrre” il benessere aziendale

Next Story

INDICE IFIIT: si consolida il ritorno di fiducia per gli investimenti in innovazione tecnologica

Latest from Innovazioni & Start up