CONFARTIGIANATO: All’Italian Makers Village il fuori Expo “vale” sei mesi di eccellenze artigiane

MILANO – Sei mesi di eventi, mostre, incontri, workshop e percorsi tematici con protagonista l’eccellenza artigiana nei settori agrifood, moda, design, arte e meccanica. E’ l’Italian Makers Village, il Fuori Expo di Confartigianato in via Tortona 32, nel cuore creativo di Milano. 1.800 metri quadrati di “villaggio” per far incontrare, per l’intera durata di Expo 2015, i visitatori e circa 800 eccellenze produttive italiane (a rotazione settimanale secondo un calendario tematico) in un’ottica diversa da quella espositiva: intrattenimento e coinvolgimento guideranno un calendario di oltre mille appuntamenti. Ampio spazio viene dedicato al gusto con il ristorante Solatium, realizzato grazie alla collaborazione con l’Università delle Scienze Gastronomiche di Pollenzo e con lo street food curato da Confartigianato Imprese. L’Italian Makers Village nasce con l’obiettivo di promuovere attraverso l’esperienza diretta il valore culturale e sociale dell’artigianato come punto d’incontro tra tradizione e innovazione e come colonna portante del Made in Italy di qualità. Aperto tutti i giorni fino al 2 novembre, dalle 11 alle 24, IMV è ad ingresso libero. Oltre all’intrattenimento e agli eventi di carattere culturale, il Village prevede un calendario di incontri e di attività rivolte alle stesse imprese artigiane: incoming di buyers e delegazioni commerciali individuate grazie all’Istituto nazionale per il Commercio Estero per facilitare l’internazionalizzazione delle pmi aderenti al sistema Confartigianato. Ogni settimana vedrà proposto un tema declinato attraverso le esposizioni, gli eventi, le iniziative culturali e la ristorazione: dai territori alle start-up, dalle filiere alle singole categorie produttive. All’interno del calendario una settimana dedicata alla moda, una al vino, una al formaggio e tre special week dedicate all’arte e ad argomenti cruciali per il variegato mondo del “saper fare” italiano. Una selezione di mostre, tra fotografia e reperti storici, contribuisce a ripercorrere le radici e la storia dell’eccellenza artigiana. I 27 temi individuati per la Rassegna delle Eccellenze possono essere territoriali (regione, provincia, area vasta), trasversali (start-up, nuovi makers), temi di filiera (fashion, design), temi di prodotto (formaggio e vino). I settori da cui provengono gli espositori selezionati per ciascuna settimana a tema territoriale sono la lavorazione di legno, ferro, pietra, tessuti e pellami, l’artigianato artistico, e l’agroalimentare. L’iniziativa, contestuale alla partecipazione di Confartigianato all’interno di Padiglione Italia, nasce per raccontare ad un pubblico internazionale i valori del nuovo artigiano, una figura in grado di mantenere salde le radici con tradizioni e territorio e di percepire la necessità di innovare nelle idee, nei processi produttivi e nelle modalità di promozione utilizzando le tecnologie disponibili sul mercato. Per realizzare un percorso che vada oltre i sei mesi di Esposizione Universale e che sia funzionale all’internazionalizzazione delle imprese artigiane, Confartigianato ha stretto un accordo con il portale di e-commerce Ulaola e con Dawanda, il più grande marketplace online d’Europa, perché gli artigiani aderenti ad IMV possano avere il loro negozio online.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*