DE LUCA & PARTNERS: l’84% delle imprese apprezza il Jobs Act ma bisogna ridurre il cuneo fiscale

MILANO – Quali sono stati i reali effetti del Jobs Act sul mercato del lavoro? Obiettivi come stabilità per i lavoratori e flessibilità per le aziende sono stati raggiunti o sono necessarie ulteriori misure per soddisfare le esigenze di dipendenti e datori di lavoro? De Luca & Partners, studio legale specializzato nel campo del diritto del lavoro, ha svolto un’indagine rivolta ad aziende nazionali e internazionali operanti nel territorio italiano. Al sondaggio hanno contribuito oltre 200 tra amministratori delegati, general counsel e direttori del personale di importanti compagnie, di cui il 40% appartiene a gruppi internazionali. Dal sondaggio emerge che ben l’84% del campione è stato positivamente colpito dalle riforme avviate dal Jobs Act, grazie alle quali il diritto del lavoro ha potuto compiere un “sostanziale progresso”. Chi si è dichiarato favorevole ai cambiamenti attuati con il Jobs Act apprezza in particolar modo la possibilità data alle imprese di aumentare le assunzioni e promuovere gli investimenti (46%), oltre a determinare un maggiore equilibrio tra i diritti delle parti del rapporto di lavoro (40%). Tuttavia, solo il 32% degli intervistati ha dichiarato di aver visto crescere significativamente il numero di lavoratori assunti a tempo indeterminato nella propria azienda a partire dal marzo 2015. Incentivi alle assunzioni e semplificazione sono gli aspetti della riforma che convincono maggiormente sia le aziende, sia i dipendenti: il 69% di loro ritiene infatti che il contratto a tutele crescenti e l’esenzione contributiva introdotta dalla Legge di stabilità siano i principali vantaggi offerti dal Jobs Act. Senza dimenticare, inoltre, l’abolizione dell’obbligo di indicare la causale per le assunzioni a tempo determinato (34%), il riordino delle tipologie contrattuali (30%) e la revisione della disciplina delle mansioni (28%). Inoltre, nonostante l’applicazione del contratto a tutele crescenti per i neoassunti, non si è registrato un blocco del turnover all’interno delle aziende. Al contrario, 7 su 10 dei partecipanti all’indagine (72%) hanno dichiarato che la riforma non ha influito sulla propensione dei lavoratori a cambiare lavoro. In un mercato del lavoro tradizionalmente statico come quello italiano, la percezione è che si possa e si debba ancora fare molto: il 58% degli intervistati, infatti, ritiene che la riforma non sia sufficiente a raggiungere l’obiettivo di maggiore flessibilità nella gestione dei rapporti di lavoro. L’ostacolo maggiore agli investimenti e alle assunzioni è, secondo il 79% del campione, l’elevato costo del lavoro, seguito dalle difficoltà create dalla burocrazia (52%) e da una normativa troppo complessa (49%). Non solo: a spaventare le aziende sono anche la scarsa flessibilità in uscita per i vecchi assunti (42%) e la mancanza di chiarezza in materia previdenziale e assistenziale (32%). E di fronte alla domanda che chiede quali aspetti della riforma debbano essere migliorati, non ci sono dubbi: l’esigenza diffusa è una riduzione del cuneo fiscale (73%) e del costo del lavoro (70%), senza però trascurare la diminuzione degli adempimenti burocratici a carico di datori di lavoro e lavoratori (53%), la riduzione dei tempi di giustizia (42%) e la semplificazione della normativa previdenziale e assistenziale (40%). Dal punto di vista strettamente contrattuale, invece, ben il 40% degli intervistati ritiene necessario poter applicare il contratto a tutele crescenti a tutti i rapporti di lavoro subordinati e non solo a quelli instaurati a decorrere dal 7 marzo 2015.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*