Le macchine per produrre le gallette di riso sono un’esclusiva padovana

PADOVA – Sifatech è una giovane e dinamica realtà attiva nel mondo dell’industrial packaging. Con sede a Padova, è stata fondata per iniziativa di Marino Falzin, manager con ventennale esperienza e know how tecnico nel settore del packaging e dell’automazione industriale. Oggi Falzin guida insieme al figlio Nicolò, responsabile del reparto produzione, lo sviluppo tecnologico e commerciale dell’impresa, che ha puntato sull’innovazione di prodotto e sulla diversificazione di gamma per ritagliarsi un’area di mercato esclusiva: linee complete per il confezionamento verticale e orizzontale dei prodotti alimentari. «Dovendo confrontarci con aziende concorrenti molto forti sulle singole apparecchiature oppure su sistemi di automazione industriale, abbiamo deciso di orientarci al processo di automazione e alla realizzazione di linee complete ad alta specializzazione, in grado di ottimizzare al massimo il lavoro degli operatori e incrementare la produttività», spiega Falzin. Già impegnata nella progettazione e produzione di linee per l’impilamento e il confezionamento verticale di pasta, biscotti, snack, caffè e altri articoli di consumo, la Sifatech ha investito nell’ideazione di applicazioni non ancora disponibili sul mercato del food processing & packaging. «Siamo stati i primi, e per ora gli unici a livello europeo, a progettare e costruire una linea completa di preparazione e confezionamento delle gallette di riso, secondo una modalità innovativa ed esclusiva». La pressa per gallette serie GAL a sei stampi, già utilizzata in Italia da primarie industrie alimentari come Curtiriso, Ips, Sarchio e Finestra sul Cielo, è una macchina per la produzione di gallette di riso, mais, farro, frumento, mix di cereali e kamut. La linea automatizzata, che può essere composta da 4 a 6 presse (con un investimento variabile da 500mila a 700mila euro, ha una capacità produttiva per singola pressa di 2.200 confezioni di gallette all’ora. Sifatech ha messo a punto anche un’altra macchina innovativa: la dosatrice e confezionatrice orizzontale per grissini. Secondo Falzin, «questa tecnologia supera qualunque livello qualitativo e produttivo oggi disponibile sul mercato, in quanto unisce in modo completamente automatico le funzioni della dosatura e del confezionament». Come riesce una piccola società con meno di 10 addetti a porsi come un’eccellenza sul mercato? Applicando il modello della filiera integrata: «Sifatech progetta, assembla e collauda i propri impianti sfruttando le risorse interne e le collaborazioni con i fornitori, veri e propri partner strategici della nostra filosofia produttiva», dice Falzin. Ora l’obiettivo è portare su alcuni mercati esteri un know how esclusivo: «Da un lato stiamo puntando al settore dei pastifici del sud Italia, dove c’è una fortissima cultura di prodotto, grazie alla grande qualità del grano, ma mancano tecnologie capaci di sfruttare al meglio questa ricchezza. Dall’altro ci stiamo orientando verso la Germania e i Paesi dell’est Europa, dove la galletta di riso è un prodotto conosciuto e diffuso».

 

Previous Story

RAPPAZZO: Il marketing come risposta comprensibile a una domanda posta

Next Story

OPEN DAY MASTER PMI ALTIS

Latest from Innovazioni & Start up