Con il tagliente policristallino lavorato al laser la resa aumenta del 40%

 

FINO MORNASCO – Un investimento importante per posizionarsi come l’unica impresa in Italia a produrre utensili speciali con inserti policristallini lavorati mediante laser di ultima generazione: è la novità presentata da C.R.M. di Mazzoccato & Figli al Mecspe di Parma, dove sono stati illustrati i vantaggi funzionali, prestazionali ed economici garantiti dalla nuova applicazione tecnologica. «Abbiamo introdotto nel nostro processo produttivo – racconta Antonella Mazzoccato, socia dell’azienda comasca – un laser in grado di lavorare perfettamente, come mostra l’ingrandimento della moneta da 5 cent realizzato presso la nostra sala metrologica, un materiale speciale quale il diamante policristallino, usato nella lavorazione di materiali non ferrosi, ad esempio le leghe a base di alluminio.  La finitura del tagliente policristallino ottenuta con questa tecnologia all’avanguardia è di una precisione assoluta». E non è questo l’unico beneficio: «Il tagliente lavorato con il laser aumenta le proprie prestazioni con una stima attorno al 30-40% in più. A questa maggior resa si aggiunge la possibilità di realizzare rompitrucioli tridimensionali dedicati in funzione del materiale da lavorare: il vantaggio, che offriamo per primi in Italia, è uno straordinario incremento di competitività per tutti i nostri clienti, in tutti gli ambiti industriali di applicazione». Questo è il dna della C.R.M.: risolvere i problemi di efficienza produttiva che ogni azienda meccanica incontra sulla sua strada quando deve gestire processi complessi, che richiedono l’integrazione tra diverse fasi lavorative. «E’ evidente che raggruppando più operazioni in un unico utensile è possibile raggiungere risparmi significativi in termini di tempi di consegna e di costo per parte». Qualche esempio? «Forature gradinate, fresatura in sagoma con inserti intercambiabili, retrolamature e smussi, lavorazione in spinta e in tirata, esecuzione di piani inclinati con raggi di raccordo…..tutto perfettamente adattato alla macchina, al processo o al prodotto richiesto. E’ questo livello di versatilità e ottimizzazione che offre la nostra risposta tecnica», conclude Antonella Mazzoccato.

 

 

Previous Story

AIRI: Lombardia capofila dell'innovazione in Italia con un terzo dei brevetti nazionali

Next Story

Funziona il matching tra le pmi e i manager che investono risorse e competenze

Latest from Innovazioni & Start up