Il milanese Onsitestudio vince il concorso per le architetture di servizio dell’Expo

MILANO – Lo studio di architettura milanese Onsitestudio ha vinto il concorso internazionale indetto da Expo2015 Spa per le architetture di servizio dell’Esposizione universale. I progettisti vincitori, Gian Carlo Floridi e Angelo Lunati, che hanno sviluppato la proposta con Andrea Liverani, Enrico Molteni, Monica Lavagna, Lavinia Chiara Tagliabue e Michela Buzzett,i sono stati premiati da Giuseppe Sala, amministratore delegato di Expo2015 Spa, ricevendo un assegno di 90mila euro. Durante la conferenza stampa di premiazione hanno presentato il loro progetto dove acqua, legno, luce e ombra sono gli elementi costitutivi di uno spazio pubblico funzionale e accogliente. “Il concorso – ha spiegato Sala – ha riscosso un grande successo a livello nazionale e internazionale, coinvolgendo 86 raggruppamenti di progettisti che hanno immaginato per Expo nuovi modelli costruttivi e progettuali, che portano al centro l’architettura e la qualità degli spazi. Hanno ricevuto un premio di 14.000 euro ciascuno gli altri quattro progetti classificati, presentati da Ole Arquitectos SLP (2° classificato, Spagna), Pedro Ferreira da Silva Teixeira de Melo con Chiara Sebastiana Maria Ternullo e Nuno Fernando Afonso Marcos (3° classificato, Portogallo), Salvatore Dierna con Alessandra Battisti, Silvia Cimini, Maria Beatrice Andreucci, Letizia Martinelli, Rosanna Morleo e Fabrizio Tucci (4° classificato, Italia), e Fabio Prada con Paola Trivini, Michele Sauchelli e Salvatore Musarò (5° classificato, Italia).

Previous Story

Milano guida la classifica dei brevetti in campo energetico

Next Story

L’80% delle imprese lombarde ha investito in innovazione tecnologica per l’Expo 2015