Il polo tessile più avanzato del centro Italia festeggia mezzo secolo di successi

FROSINONE – E’ il 1968, cinque anni dopo la nascita del Consorzio per lo sviluppo industriale Frosinone, quando Klopman commissiona allo stabilimento più all’avanguardia della città la produzione di tessuti unici a livello europeo, costituiti di misto poliestere. Entra così da protagonista nel vissuto della provincia laziale una realtà internazionale, che nutrendosi di know how e qualità italiani, cresce costantemente e resiste bene alle sfide recenti del mercato. Festeggiando il cinquantesimo anniversario della costituzione del Consorzio,  oggi Klopman International continua a rappresentare il punto di forza industriale della Ciociaria, con un’attività produttiva che si estende su 70mila metri quadrati, occupa circa 400 dipendenti e ha chiuso l’ultimo bilancio con 130 milioni di fatturato, del quale il 4% realizzato in Italia. Tecnologie avanzate, in particolare in tintoria, finissaggio e ispezione del tessuto, e un controllo dei processi centralizzato, che monitora e corregge simultaneamente 3.800 punti macchina, sono solo alcuni degli skill che ne fanno sempre più del Consorzio un fiore all’occhiello del Made in Italy. L’impegno costante di Klopman nella responsabilità sociale, ambientale e nella crescita professionale delle sue persone attraverso la continua formazione assicura inoltre uno sviluppo sostenibile, in linea con le stesse strategie di crescita del Consorzio, che mira a qualificarsi come centro di “intelligenza territoriale” e di competenze di alto livello per il rafforzamento dell’attrattività del contesto geografico rispetto a imprese, persone e investimenti. Klopman è infine in linea con l’attenzione al mercato globale del mondo economico frusinate: a marzo 2013 è stato chiamato alla guida della società il nuovo amministratore delegato Alfonso Marra, tra i manager internazionali più apprezzati, già ai vertici del Gruppo Tyrolit di proprietà della famiglia Swarovski. Compito di Marra è appunto dare attuazione al nuovo piano di espansione di Klopman in ambito mondiale. La proprietà di Klopman, prima americana, poi inglese e italiana, ora dell’azienda indiana MW Unitexx Sa, controllata da MW Corp. con sede a Mumbai, ha scelto dunque, in controtendenza, di mantenere l’headquarter, la produzione, il sourcing e il know how tecnologico in Italia, a Frosinone, consolidando ulteriormente il ruolo della Klopman nel Consorzio e nello spazio sociale dove opera, rilevante per tutta l’Italia centrale.

Previous Story

Dalle macerie del terremoto rinasce il più importante polo dell’aerospaziale italiano

Next Story

INDICE IFIIT: tra prudenza e fiducia, si torna a investire in innovazione tecnologica

Latest from Percorsi d'eccellenza