Partite Iva italiane: poco aperte all’innovazione nei servizi on line

ROMA – Tra agosto e dicembre 2011 Fattura24 (prima soluzione open source italiana che permette di gestire i propri documenti contabili sul web) ha condotto su un campione eterogeneo di oltre 10mila partite Iva italiane un indagine volta a verificare la predisposizione all’innovazione da parte di professionisti, lavoratori autonomi e piccole e medie imprese, in particolare riguardo all’utilizzo dei servizi on line di fatturazione elettronica e condivisione documentale. Dall’indagine è emerso che il 79% degli intervistati gestisce i documenti contabili localmente sul proprio personal computer utilizzando nel 44% dei casi i pacchetti Office preinstallati. Il 35% circa utilizza strumenti contabili appositi e soltanto l’1% ha tentato la strada dell’innovazione passando a soluzioni on line. «L’indagine ha confermato lo scenario atteso – spiega Salvati Patrizia, Ceo di Fattura24 – nonostante il dilagare di Internet  e dei servizi on line. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il principale  ostacolo all’innovazione non sembra legato alla resistenza al cambiamento ma alla scarsa preparazione tecnica che non permette di valutare complessivamente costi, benefici e rischi delle soluzioni più innovative». Infatti alla domanda «Per creare e gestire le sue fatture utilizzerebbe un servizio di cloud computing ?», il 54% del campione ha risposto che non conosce cosa siano i servizi cloud e il 12% che non si fida. Per condividere i documenti con il proprio commercialista, la maggior parte del campione ha dichiarato di consegnarli personalmente, il 40% utilizza le email mentre il 13% li spedisce via fax. Modesto anche l’utilizzo della Pec, la posta elettronica certificata: il 54% ritiene che non serva per inviare e ricevere le fatture mentre soltanto l’11% la utilizza sempre. Un esito sconfortante? Non necessariamente. Dall’indagine emerge che il 47% degli intervistati infatti è consapevole che i servizi di fatturazione on line saranno il futuro e un altro 24% pone dei quesiti sulla sicurezza che una volta chiariti permetteranno alle partite Iva italiane di introdurre soluzioni innovative nella gestione quotidiana del proprio business.

Previous Story

Una termocoperta high tech per il Duomo di Milano

Next Story

8 marzo in bianco e nero: storia di un’imprenditrice che lotta per salvare la sua azienda

Latest from Ufficio studi