Renzi valorizza l’eccellenza altoatesina che ha costruito 9 padiglioni di Expo

BOLZANO – «Dobbiamo essere orgogliosi di una realtà come questa, capace di andare a prendersi il futuro senza aspettarlo e in grado di cogliere le opportunità offerte da Expo». Con queste parole il premier Matteo Renzi ha descritto Stahlbau Pichler – l’azienda di costruzioni  meccaniche altoatesina che ha contribuito alla realizzazione di alcuni fra i più avveniristici padiglioni dell’Esposizione Universale in corso a Milano – durante la sua visita a Bolzano. Il presidente del Consiglio ha voluto conoscere e vedere personalmente lo stabilimento produttivo dove ad accoglierlo c’erano il presidente Walter Pichler con gli oltre 200 dipendenti dell’azienda. Proprio dalle officine Stahlbau Pichler è partito il messaggio di speranza per le generazioni future, con un elogio al sistema efficiente dell’Alto Adige della formazione duale capace di combinare l’apprendistato in azienda ad un solido percorso formativo. «La nostra Provincia ha il tasso di disoccupazione giovanile più basso d’Italia – ha ricordato il presidente Arno Kompatscher – e una buona parte del merito di ciò è da addebitare al sistema della formazione duale. L’alternanza scuola-lavoro consente ai ragazzi di mettersi concretamente alla prova e permette di unire il sapere al fare: si tratta di un’eccellenza altoatesina che ha contribuito a costruire una società caratterizzata dal benessere». Renzi ha sottolineato che «la Stahlbau Pichler ha costruito nove padiglioni all’Expo rimboccandosi le maniche e adattandosi al nuovo mercato, implementando l’export passando dal 30 al 70% del volume di mercato». Da parte sua Walter Pichler, nel ringraziare il capo del Governo, lo ha sollecitato a fare in fretta a risolvere i diversi problemi burocratici, economici e politici che continuano a rallentare l’attività imprenditoriale, a danno di tutto il Paese e delle prospettive di ripresa economica, in atto in tutta Europa, ma ancora troppo lente in Italia. «Alla nostra azienda rimane il piacere di aver saputo dimostrare che, anche in tempi difficili, le strategie adottate stanno portando ottimi risultati».

Previous Story

RAPPORTO IREX: Addio incentivi, ora le rinnovabili italiane sono protagoniste nel mondo

Next Story

CONFARTIGIANATO: All'Italian Makers Village il fuori Expo “vale” sei mesi di eccellenze artigiane

Latest from Segnali di ripresa